Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 194.858.767
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/02/19

Lecco: V.Sora: 59 µg/mc
Merate: 27 µg/mc
Valmadrera: 55 µg/mc
Colico: 50 µg/mc
Moggio: 93 µg/mc
Scritto Lunedì 11 febbraio 2019 alle 12:00

Nibionno: il Comune replica al lettore sulla cabina Enel

"Possibile che il comune non prenda provvedimenti?" E' questa l'accusa che il nostro lettore "P.R" rivolge all'amministrazione comunale di Nibionno per quanto riguarda la cabina ENEL di Tabiago di Nibionno. "Cancello aperto spalancato e rifiuti all'interno del prato che la circonda. Uno schifo!" scrive infervorato il lettore. "E' un pericolo costante anche per i bambini che passano: chiunque può entrare e uscire" aggiunge.


Una situazione che il lettore imputa immediatamente all'amministrazione comunale. "Il Comune però, non ha nessuna responsabilità" replica il vicesindaco Panzuti. "E' una proprietà privata, di Telecom non di ENEL" specifica, pur ammettendo che "i rifiuti ci sono e la cabina non è tenuta in ordine".
In ogni caso, ribadisce l'amministratore, "il Comune ha scritto più di una volta descrivendo la situazione con foto come ha fatto il signore".
Anche in questo caso però, il vicesindaco Panzuti ribadisce il suo impegno: "vedrò cosa si può fare". Anche se, ribadisce, "è una proprietà privata come se fosse un'abitazione".
Articoli correlati:
09.02.2019 - Nibionno, un lettore: cabina Enel sempre aperta e pericolosa
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco