Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 198.974.902
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Martedì 12 febbraio 2019 alle 13:21

Annone: il ponte sarà pronto a maggio e sarà 'monitorato' con sensori di carico. Sidoti lo vuole intitolare a Bertini

Il ponte al chilometro 42,000 della statale 36, ad Annone Brianza, non sarà pronto per la data annunciata, ai primi giorni di marzo. La consegna dei lavori è infatti posticipata di un paio di mesi, a inizio maggio. È stato annunciato nella mattinata odierna dai rappresentanti di Anas, venuti in visita al cantiere insieme agli amministratori dei paesi di riferimento.

Il cantiere

Erano presenti  il sindaco di Annone Patrizio Sidoti con i colleghi Eugenio Galli di Cesana Brianza, Baldassarre Mauri di Civate e Giacomo Valsecchi, vicesindaco di Suello. Per la società Anas, che ha appaltato l'opera a un'associazione temporanea di imprese (Co.Est e Bea service di Moliterno), hanno presenziato l'amministratore delegato Massimo Simonini, l'ingegnere Marco Biosio, responsabile area compartimentale Lombardia e Dino Vurro, responsabile coordinamento territoriale Nord-Ovest. Proprio quest'ultimo ha dato notizia dell'avanzamento dei lavori: mentre la prima spalla, quella sul versante di Cesana, è stata già gettata, l'altra non è ancora pronta ma sono chiaramente visibili le parti metalliche che andranno a comporre la struttura in cemento armato.

I rappresentanti di Anas con gli amministratori del territorio

"Anas ha stanziato i fondi per quest'opera nel capitolo danni ed emergenze. La struttura sarà larga più di cinque metri per fare in modo che non ci siamo problemi di transito e sarà in acciaio corten, materiale scelto appositamente per permettere che duri nel tempo. Questo progetto con ogni probabilità diventerà il prototipo dei futuri ponti di Anas, che seguiranno questo standard di costruzione. Abbiamo inoltre previsto l'installazione di un sistema di sensori che permetteranno di monitorare il passaggio dei mezzi, evitando il transito di camion fuori dagli standard di peso".

L'AD di Anas Simonini e l'ingegner Vurro

L'ingegnere ha poi spiegato i motivi per i quali il ponte verrà pronto a inizio maggio: "La scadenza di inizio marzo è stata prorogata per i ritardi subiti. Sono serviti tre mesi per completare in sicurezza la bonifica, mentre le piogge di novembre hanno reso difficile proseguire con i lavori. Se il tempo continuerà ad essere così, accelereremo i tempi. A metà aprile contiamo di tornare per le prove di carico e, se tutto dovesse andare bene, sarà pronto per il 1 maggio. Abbiamo in ogni caso recuperato tutti i tempi persi".





"Mi sembrava doveroso venire in visita al cantiere per vedere come stava proseguendo l'opera" ha dichiarato l'AD di Anas. Ha dimostrato fiducia nel lavoro anche il primo cittadino annonese: "Siamo soddisfatti per i tempi veloci, non scontati quando si tratta di lavori pubblici. Abbiamo impiegato un po' di tempo a tenere calmi i cittadini che ci chiedevano quando sarebbe stato ricostruito, ma l'azienda sta procedendo spedita".

Sidoti ha inoltre riferito di voler titolare l'opera al civatese Claudio Bertini, unica vittima del crollo. Vurro ha in seguito elogiato il sindaco di Civate: "È stato molto paziente, nonostante le pressioni dei cittadini perché quando si è constatato che il ponte non era più idoneo, lo ha chiuso. Il fatto che si pensi alla sicurezza però non fa notizia, che c'è solo quando crolla un ponte".

L'ingegnere ha concluso la visita con queste parole. "Per la morfologia dell'Italia è importante realizzare ponti che possano agevolare l'industria del trasporto su gomma e cercare di essere competiviti".
Le autorità e i rappresentanti di Anas hanno lasciato il cantiere di Annone per recarsi in comune a Civate dove quest'oggi è avvenuta la consegna ufficiale del cantiere alla Preve Costruzioni. Anche in questo caso, il tempo di realizzazione previsto è di un anno.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco