Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 197.017.654
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Domenica 17 febbraio 2019 alle 19:27

Bosisio: scoperta archeologica dell’età del bronzo nel giardino della scuola

Scoperta archeologica alle scuole di Bosisio Parini. I bambini, inaspettatamente, hanno rinvenuto un pezzo preistorico.
Gli studenti della classe terza della primaria Italo Calvino giocando agli esploratori e divertendosi nell’ampio parco dell’istituto durante la ricreazione, fra un sassolino e l’altro hanno infatti scovato un vero e proprio reperto: la punta di una freccia risalente probabilmente “all’Età del Bronzo”.

La punta

Carlo Pedraglio

Andrea Burzì

Un piccolo frammento di poco più di 2 centimetri - grande quanto un temperamatite - che, per via della fattezza e del materiale, non è sfuggito all’occhio attento dei piccoli avventurieri impegnati in nuove scoperte nel parco. Hanno compreso subito che non si trattava di una pietra qualsiasi e, incuriositi, hanno deciso di portare il reperto alle insegnanti, che non hanno potuto credere ai loro occhi e si sono subito mosse per gli approfondimenti.

Le maestre hanno quindi preso contatti con il Gruppo Archeologico Comasco “Ulisse Buzzi” per chiedere come comportarsi e cosa fare di fronte a questa scoperta. I professori Carlo Pedraglio e Andrea Burzì si sono resi immediatamente disponibili per un incontro con gli studenti ai quali hanno dedicato una lezione pratica e teorica sul lavoro dell’archeologo. Hanno infine spiegato ai bambini che avrebbero provveduto a denunciare e consegnare la scoperta alla Soprintendenza affinché il reperto venga studiato.

Gli alunni hanno fatto fatica a consegnare il reperto, non volevano lasciarlo, ma gli studiosi hanno spiegato loro che si erano resi protagonisti di una scoperta molto interessante per la comunità e il patrimonio storico culturale di tutti ed in particolare di Bosisio Parini: era molto importante condividere il ritrovamento, di cui dovevano andare contenti e orgogliosi.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco