Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.451.894
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Lunedì 18 febbraio 2019 alle 21:47

Casatenovo, Vismara: nuovo tavolo sulla trattativa a Reggio. Tutto resta ''top secret''

Il salumificio Vismara di Casatenovo
Nessuno sviluppo concreto nella trattativa che riguarda il salumificio Vismara di Casatenovo. O perlomeno tutto resta ancora sotto traccia. Si è svolto questa mattina a Reggio Emilia un incontro - alla presenza delle sigle sindacali, della proprietà, dei rappresentanti di Confindustria e dei commissari che seguono la procedura di concordato preventivo avviata nel luglio 2018 a causa della mancanza di liquidità e del rifiuto da parte delle banche di concedere nuovo credito - per fare il punto sui nuovi scenari per i siti produttivi che fanno riferimento al gruppo alimentare Ferrarini, alla luce dei nuovi investitori che nelle scorse settimane avevano manifestato interesse rispetto ad un ipotetico accordo per rilevare l'attività.
Si tratta di due soggetti industriali distinti - che operano nel settore alimentare ma attualmente non concorrenti diretti - interessati a fare il loro ingresso nelle società in maniera separata; un'ipotesi che vedrebbe dunque Vismara scorporata da Ferrarini.
Se per quel che riguarda gli stabilimenti emiliani con il brand della holding la trattativa pare essere in fase avanzata, per la Vismara le cose sembrano procedere piu a rilento. A parte i rumors lanciati nelle scorse settimane dalla stampa nazionale, con il nome di Amadori ritenuto il più papabile in questa fase (e mai smentito peraltro dal diretto interessato), nel corso del tavolo odierno nulla di ufficiale è stato detto in questo senso. L'identità del partner resta ancora top secret.
"Domani incontreremo i lavoratori in assemblea per aggiornarli sulla situazione e la settimana prossima l'attuale proprietà per alcune questioni da affrontare" ci ha detto Massimo Sala, delegato Flai Cgil Lecco.
Tornando alla trattativa industriale l'auspicio è che i tempi per finalizzare l'accordo possano stringersi rapidamente. Scadono infatti lunedi prossimo i termini per depositare il piano industriale finalizzato all'ammissione al concordato preventivo delle due società (Vismara e Ferrarini appunto) da parte del tribunale reggiano, che a dicembre aveva concesso una proroga proprio in considerazione degli interessamenti manifestati da alcuni investitori che potrebbero cambiare le carte in tavola rispetto alla complessa situazione in cui si trova oggi il gruppo alimentare.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco