Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.311.866
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Lunedì 04 marzo 2019 alle 15:17

Castello B.za: Riva pronto a tentare il 'bis'. Un bilancio del suo 1°mandato da sindaco

Il sindaco uscente Aldo Riva
Il primo mandato da sindaco è ormai giunto al termine e per Aldo Riva - primo cittadino di Castello Brianza - è tempo di bilanci. In vista della ricandidatura alle elezioni del prossimo maggio, nel tentativo di ''bissare'' l'esperienza amministrativa alla guida del paese, abbiamo avuto modo di confrontarci con lui.
Nel tracciare un bilancio di quanto svolto negli scorsi cinque anni, Riva ha scelto di puntualizzare alcuni aspetti. A partire dal lavoro svolto in comune riguardo al funzionamento della "macchina amministrativa". «Non c'è - ha spiegato - nessuna volontà di fare polemica. Però è doveroso ricordare da quale situazione siamo partiti: regolamento comunale e statuto erano vecchi di decenni. Li abbiamo dovuti riscrivere completamente. Non erano stati aggiornati ed erano ampiamente superati dalle nuove normative vigenti».
Un lavoro che ha richiesto mesi, rallentando - a suo dire - l'azione amministrativa. La loro revisione ha però consentito di introdurre nuove norme a favore della trasparenza e della partecipazione dei cittadini. Fra queste Riva ne vuole ricordare due: l'obbligo per l'amministrazione comunale di tenere un'assemblea pubblica annuale aperta, per offrire ai cittadini la possibilità di richiedere chiarimenti e proporre idee, e l'introduzione del referendum propositivo con cui i cittadini possono sottoporre all'amministrazione progetti da adottare. La stesura del nuovo statuto e del nuovo regolamento comunale ha comportato poi la quasi obbligatoria riscrittura di tutti i regolamenti ad essi collegati. Complessivamente ben 27, che oggi si applicano negli ambiti più disparati: dai tributi comunali ai servizi sociali, dai servizi scolastici alla polizia comunale.
A quest'opera di revisione delle normative è seguito un importante piano di informatizzazione e digitalizzazione del lavoro svolto negli uffici. «Ormai - ha spiegato il primo cittadino - quasi tutti i documenti vengono prodotti in formato digitale e catalogati in appositi archivi informatici». Una scelta che ha consentito e consentirà un risparmio di risorse e di spazi in precedenza occupati da archivi cartacei.
Proprio in tema di risorse il sindaco ha voluto precisare quanto fatto per riequilibrare i conti pubblici e ridimensionare le esposizioni finanziarie. «Siamo riusciti - ha dichiarato - a ridurre i mutui, portandoli da 800 a 500mila euro».
Un altro aspetto sul quale il suo gruppo ha lavorato è stata l'«apertura verso i cittadini»
a cui Riva stesso ha tenuto molto: «abbiamo dato un forte impulso all'informazione comunale con l'introduzione di nuovi strumenti informativi». Sono stati attivati o potenziati il servizio di newsletter, WhatsApp, Facebook, il giornalino informativo "Qui Castello" e il canale Youtube da cui è possibile vedere le sedute del consiglio comunale.
Per quanto riguarda il lavoro svolto al di fuori dagli uffici comunali, il primo cittadino ha avuto modo di ricordare il lavoro svolto in tre settori: servizi sociali, scuola e lavori pubblici.
«Grazie ai volontari - ha dichiarato Riva - siamo riusciti a offrire molti servizi. Abbiamo introdotto la figura del "Volontario
Un'altra immagine di Riva
Civico Comunale", attualmente sono 55 e collaborano con diversi ruoli, dalla biblioteca al supporto degli anziani».
Sempre in tema di servizi sociali, per il sindaco è stato molto importante realizzare il centro sociale ricreativo per anziani, anche grazie alla collaborazione con la parrocchia. In tema di scuola i punti di forza sono stati l'introduzione del «pre» e «dopo scuola» giudicato come «un servizio molto utile ai genitori che lavorano».
L'ultimo settore preso in considerazione è stato quello dei lavori pubblici. Fra gli interventi che ha voluto ricordare vi sono: la tutela del territorio e regimentazione della acque dei torrenti, la parziale sistemazione dell'area festa, gli interventi sulla viabilità e il nuovo sistema di videosorveglianza che sarà attivato nelle prossime settimane.
Riva, in vista della stesura del programma per i prossimi cinque anni, non ha voluto sbilanciarsi sulle nuove proposte che il gruppo deve ancora valutare. Di sicuro «Uniti per Castello» si ripresenterà come lista civica «al 100%» senza nessun riferimento a formazioni o appartenenze politiche. Sono ipotizzabili anche una serie di cambiamenti fra i candidati consiglieri; per almeno metà, la lista dovrebbe essere composta da nuove figure.
Tuttavia è quasi sicura l'intenzione e la volontà di «potenziare ulteriormente i servizi sociali» e di «continuare a investire nella tutela del territorio e sulle strutture pubbliche».
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco