Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 196.872.576
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Mercoledì 13 marzo 2019 alle 17:45

Lomaniga: il parco giochi tanto atteso dai genitori al centro dell'assemblea pubblica

Pienone lunedì sera all'ex scuola elementare di Lomaniga, in occasione dell'incontro pubblico convocato dall'amministrazione comunale di Missaglia per fare il punto sui progetti da realizzare nei prossimi mesi. A partire dall'atteso parco giochi che dovrebbe sorgere in Via Leonardo da Vinci, tra la scuola dell'infanzia e la chiesa dei SS Fermo e Rustico. Un'opera chiesta da tempo dai genitori dei bambini che vivono nella frazione missagliese, al centro di un accordo tra Comune e Parrocchia che dovrebbe appunto cedere il terreno sul quale ricavare poi l'area a misura di bambino.

A destra il sindaco Bruno Crippa

Particolarmente attiva su questro fronte la giovane mamma lomanighese Laura Cozzi, che dopo essersi impegnata chiedendo incontri ai due enti per avere lumi sulle tempistiche del progetto, ha proposto all'amministrazione comunale di convocare un'assemblea dedicata (anche) all'attesa opera pubblica. E così è stato. Lunedì sera erano in tanti nell'aula situata al piano terra dell'edificio comunale, per ascoltare i progetti al vaglio della giunta del sindaco Bruno Crippa. A partire proprio dal parco giochi, primo argomento di discussione della serata.
''E' necessario intervenire su un'area non comunale. Quando abbiamo sistemato la frana del Butto, era nostra intenzione investire subito le risorse nel parco giochi e nel percorso pedonale di collegamento fra Via Leonardo da Vinci e la parrocchia. La terra avanzata durante i lavori l'avremmo utilizzata per spianare la zona, attualmente un po' impervia. Don Albino ci aveva già dato il via libera, ma con il cambio del parroco e l'arrivo di don Bruno abbiamo dovuto rivedere il progetto'' ha detto il primo cittadino, specificando che per poter iniziare i lavori è necessaria la sigla di una convenzione non soltanto con la parrocchia, ma anche con la Curia, che deve concedere il nulla osta definitivo. ''Per quanto ci riguarda lo avremmo realizzato anche prima: tutto è pronto da tempo, ma dobbiamo fare i conti con le difficoltà dell'ente locale che deve fare accordi con il privato''.


Una risposta che non ha completamente soddisfatto i presenti, in particolare Laura Cozzi che ha più volte lamentato i tempi troppo lunghi per poter vedere realizzata un'opera di cui si parla ormai da tempo. ''Se serve un'intermediazione con il parroco o addirittura con la Curia, possiamo provarci. Già più volte ci siamo proposti per farlo. Credo che se il progetto rappresentasse davvero una priorità si potrebbero accellerare le cose. Invece da poco si è scoperto che è stato tutto rimandato al 2020. Mi sembra assurdo che si debba aspettare così tanto'' ha detto la mamma lomanighese, che a inizio serata ha distribuito ai presenti un volantino con una sorta di cronistoria della vicenda.
''Il progetto era stato inizialmente condiviso, poi con il cambio del parroco ci sono state chieste delle modifiche al passaggio pedonale e allo stesso parco giochi. Ora siamo giunti ad un accordo, ma i tempi non dipendono da noi'' ha aggiunto il sindaco, mentre il consigliere Osvaldo Manzoni - residente in frazione - ha confermato che il 2018 è stato completamente impiegato per rivedere il progetto e renderlo conforme alle esigenze delle parti.
Il dibattito si è fatto via via più acceso, caratterizzato dagli interventi del pubblico presente ma anche degli esponenti della giunta comunale Laura Pozzi e Donatella Diacci, ma anche della capogruppo di minoranza Silvana Redaelli.

Il progetto per la realizzazione del parco giochi a Lomaniga
(clicca sull'immagine per ingrandire)

E' toccato poi all'assessore ai lavori pubblici Paolo Redaelli illustrare il progetto definitivo che prevede appunto la realizzazione di un nuovo percorso pedonale che si snoderà dal parcheggio di Via San Fermo alla chiesa, necessario anche a raggiungere il parco giochi che dovrebbe sorgere nella parte di terreno alle spalle dell'ex scuola elementare. Il tutto per una spesa prevista pari a 87mila euro.
Qualche perplessità è stata espressa dal pubblico anche sul contenuto del progetto: in molti hanno considerato la posizione in cui sarà realizzata l'area ludica troppo defilata rispetto alla scuola dell'infanzia. Gli amministratori hanno però spiegato che non è stato possibile ottenere il via libera dalla parrocchia per poterla realizzare altrove e che le tempistiche si sono allungate anche per una questione di sicurezza, che deve essere chiaramente garantita dal momento che l'area sarà frequentata da bambini.

Il parco ad ogni modo non sarà realizzato prima del 2020, a meno che l'iter conosca un'improvvisa accellerazione, al momento ritenuta improbabile. Se questo dovesse succedere, il sindaco Crippa ha ipotizzato il ricorso ad un'eventuale variazione di bilancio per anticipare l'avvio dei lavori all'anno in corso.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco