Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 198.940.148
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Giovedì 14 marzo 2019 alle 08:02

Costa: variazioni al rialzo per le tariffe degli operatori del mercato, pagheranno 8 €/mq


Un'immagine di repertorio del mercato a Costa Masnaga

Aumentano le tariffe per il canone di occupazione del suolo pubblico (COSAP). L'amministrazione di Costa Masnaga, nel consiglio comunale di martedì 12 marzo, ha votato all'unanimità le modifiche al regolamento per l'occupazione di suolo e relativo canone.
Le modifiche al regolamento riguardano soltanto gli operatori che ogni lunedì si presentano al mercato comunale e pagano l'occupazione temporanea del suolo pubblico. "Abbiamo compiuto un'analisi, facendo un confronto con altri due comuni limitrofi. Le nostre tariffe, tra le più basse del circondario erano ferme dal 2008 e nonostante l'aumento previsto continueranno ad essere inferiori rispetto a quelle dei comuni vicini" ha spiegato l'assessore al bilancio Gianpaolo Rossini.
Se a Costa fino a poco tempo fa gli operatori sostenevano una spesa di 6 euro al mq per la loro bancarella, in due comuni vicini spendono rispettivamente 11,30 euro/mq e 10,78 euro/mq. L'amministrazione ha scelto di aumentare di due euro la tariffa, portandola a 8 euro/mq.
Variazioni al rialzo ci sono anche per gli spuntisti, ovvero gli operatori che si presentano il lunedì al mercato pronti a occupare lo spazio di un collega che non si è presentato. In questo caso la tariffa varia da 2,6 euro/mq a 5 euro/mq. Uno dei comuni considerati per la comparazione aveva la quota a 12 euro/mq.
In sostanza, nonostante i ritocchi al canone d'occupazione, Costa sembra ancora mantenersi un paese appetibile per le bancarelle. Le variazioni, infatti, oltre ad aver ottenuto il parere favorevole del revisione dei conti, hanno ricevuto anche il nulla osta dei 43 mercatari che oggi affollano la piazza del mercato.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco