Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 198.882.391
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Domenica 17 marzo 2019 alle 19:51

Monticello: evento benefico per tanti progetti in Congo

L'oratorio della parrocchia di Sant'Agata di Monticello Brianza ha ospitato, nel pomeriggio di sabato 16 marzo, un evento benefico a favore dei bambini del Congo. Lo scopo era quello di raccogliere i fondi da destinare all'Associazione Nostra Signora del Buon Consiglio Il Buon Samaritano - ONLUS, per costruire una nuova scuola e un alloggio per gli studenti nel Villaggio di Mabenga.

La manifestazione ha avuto come evento centrale lo spettacolo a cura de "I Falconieri del feudo", un gruppo di Eupilio che si è occupato di un momento di intrattenimento per grandi e piccoli e che ha dato la possibilità di "interagire" coi rapaci, averli appoggiati sul pugno, assistere al loro volo libero e, infine, scattare una foto ricordo su una pergamena. "La nostra associazione - hanno spiegato i due fondatori - svolge attività didattiche con i rapaci per scuole, oratori ed eventi privati da tre anni. Spesso facciamo anche eventi di beneficenza e il nostro spettacolo, che si differenzia dalle classiche attività coi rapaci, prevede spiegazioni su cosa si sta facendo e un coinvolgimento delle persone, soprattutto i bambini. Vogliamo che loro interagiscano il più possibile, per esempio tenendo gli uccelli sul pugno."
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Oltre ai falconieri, l'evento ha ospitato anche Aeglos Art di Antonella Aeglos Astori, un'illustratrice che realizza lavori sui tali animali tra cui tele e oggettini decorati a mano.


Marisa Serra

L'obiettivo della manifestazione era però raccogliere fondi per l'associazione benefica rappresentata da Marisa Serra, la presidente della ONLUS, che ha ricevuto numerosi riconoscimenti, anche di spessore, per il suo lavoro in Africa, dove opera da anni aiutando i bisognosi.

"Questo evento vuole essere una raccolta fondi per la scuola e l'alloggio studenti in Congo che stiamo finendo. Tutto è iniziato quando ho visto la situazione che c'era là, ho perso il cuore e mi sono preoccupata di loro. In primis è stato realizzato un ospedale poi dei pozzi d'acqua. Ogni anno si cerca di finire i lavori iniziati e adesso vogliamo fare una casa alloggio per gli studenti, che ora dormono fuori. Realizziamo delle strutture in cemento, che siano resistenti e diamo poi regolarmente resoconto all'associazione. Ho incontrato un missionario che mi ha aiutato nella mia missione con la sua disponibilità, Padre Rolan. Insieme abbiamo iniziato mandando quattro container con tutto l'indispensabile per i beni primari, tra cui un'ambulanza, una barca che funge da ambulanza fluviale.
Nel villaggio abbiamo poi eretto altri edifici: una chiesa, un minimarket per i bisogni primari dei malati, una farmacia, una segreteria con biblioteca e strutture per gli studi. E poi le scuole primarie e un liceo che offre una formazione per corsi di studio come veterinaria, agraria e medicina. Nei nostri collegi si insegna a vivere in maniera sociale, preparando al futuro. Ora siamo al settimo anno e si va avanti ancora con progetti di agricoltura e allevamento.
Qui in Italia organizziamo questi eventi per raccogliere fondi, ogni euro è importante e cerchiamo di espandere la voce anche attraverso il nostro sito (www.ilsamaritanocongo.it), realizzato grazie all'Istituto Mosè Bianchi di Monza.
Attualmente, i decessi sono calati molto e lo sviluppo prosegue abbastanza bene, speriamo di proseguire così, ma è difficile reperire sostegno e c'è ancora moltissimo da fare. Si spende quello che serve e ci si impegna fino a essere stremati, ma la soddisfazione è immensa" ha spiegato Marisa Serra.
A.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco