Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 199.038.055
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 02/04/19

Lecco: V.Sora: 120 µg/mc
Merate: 115 µg/mc
Valmadrera: 124 µg/mc
Colico: 118 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Lunedì 18 marzo 2019 alle 08:14

Missaglia: il premio ''Donne dell'anno 2019'' è stato conferito a Martina, Sandra, Cesarina


L'assessore Donatella Diacci e il sindaco Bruno Crippa con le tre donne premiate

"E' importante per la nostra comunità e per la nostra amministrazione trovare delle occasioni, come quella della festa della donna, per potere conferire dei riconoscimenti a tutte quelle figure femminili che si sono distinte all'interno del nostro comune per meriti e cause che possono essere apprezzate anche per il loro valore sociale e simbolico".
Sono state queste le parole con le quali l'assessore alla cultura di Missaglia, Donatella Diacci, ha aperto la manifestazione "Donne dell'anno", promossa dall'amministrazione comunale e legata alla ricorrenza della festa dell'8 marzo e che si è tenuta nel pomeriggio di domenica presso il Monastero della Misericordia.

Sandra Spreafico con le volontarie della LILT

A partire dalle ore 16.45 i cittadini e tutti coloro che hanno voluto partecipare alla premiazione e al concerto musicale che è seguito subito dopo, si sono riuniti nell'ex chiesa del convento, appositamente allestita per l'occasione. Le tre figure premiate nell'edizione 2019 che si sono distinte nei settori dello sport, del commercio e del sociale sono state rispettivamente Martina Casiraghi, giovane campionessa di marcia, residente con la famiglia a Ossola, che ha recentemente vinto la medaglia d'oro ai campionati italiani svoltisi ad Ancona il 9 febbraio scorso; Cesarina Cazzaniga, che con la sua lunga e costante attività nello storico bar Domomea di Maresso ha dato nel proprio piccolo un grande contributo al settore dell'imprenditoria e del commercio; Sandra Spreafico, l'instancabile docente in pensione che continua con dedizione ed impegno la sua opera educativa e di volontariato come socia dell'associazione LILT e come educatrice per bambini e preadolescenti nel contesto dell'oratorio di Missaglia.

L'assessore Diacci e il sindaco Crippa

La premiazione della giovane sportiva Martina Casiraghi

Quest'ultima ha voluto ringraziare le autorità per il conferimento del premio commentando così: "spesso quando racconto delle mie attività e del mio coinvolgimento nel settore del sociale i miei interlocutori mi rispondono di solito con la formula, "Ma cosa te lo fa fare?", come a dire che aiutare il prossimo o impegnarsi per una causa che non ci riguarda per forza da vicino potrebbe essere vista solo come una perdita di tempo inutile. Io però cerco di vedere questa frase in un altro modo, e cioè puntando l'attenzione sul chi te lo fa fare, ovvero i destinatari delle mie azioni, perché il vero senso di ogni gesto d'aiuto è il valore aggiunto che si crea nella relazione con l'altro. Frequento l'oratorio fin da quando ero adolescente e per me è il luogo in cui i valori umani si intrecciano e si rinsaldano con quelli cristiani".
Premiata anche la giovane Martina, mentre il riconoscimento per Cesarina Cazzaniga è stato ritirato da una parente.

Il premio per Cesarina Cazzaniga ritirato da una parente

Sandra Spreafico durante la premiazione

Al termine della breve cerimonia il gruppo di musica antica Cenacolo Musicale, composto da Francesca Biliotti, Stefano Bruni, Leonardo Bellesini, Carlo Zanardi, Elisa La Marca e Donatella Busetto, si è esibito con il concerto Care luci del mio bene: Bononcini vs Haendel. Il concerto proposto dall'amministrazione fa parte del ciclo Brianza Classica che nella giornata di domenica ha fatto tappa a Missaglia presentando una concezione di musica classica scostante rispetto all'immaginario comune. Il Duello musicale, infatti, era prassi diffusa nel barocco, epoca in cui i musicisti dovevano ricorrere alla protezione e al sostegno di nobili mecenati, e occasione preziosa di ostentazione professionale di capacità tecniche, improvvisative ed espressive.

Un paio di immagini del concerto

L'Arma Bianca: le tastiere, di cembalo, organo, violino o i raffinati artifizi compositivi. Quando Bononcini arrivò a Londra, nel 1720, per espresso invito di Richard Boyle, conte di Burlington, la sua fama di compositore d'opere in ambito europeo era già consolidata. Accolto come compositore nella prestigiosa Royal Academy of Music, riuscì a superare lo stesso Haendel nel numero di rappresentazione delle proprie opere teatrali e la sua presenza nella capitale inglese tra il 1721-24 fu un vero trionfo.

Per tutti i presenti si è trattato quindi di un pomeriggio all'insegna della musica, del divertimento ma anche della condivisione di alcuni importanti traguardi per la comunità missagliese, che è riuscita a dare risalto e supporto a tutte quelle donne che perseguendo i propri sogni e i propri obiettivi riescono a contribuire anche allo sviluppo sociale di una comunità e di un paese.
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco