Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.500.831
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Venerdì 22 marzo 2019 alle 09:56

Cesana, primaria: giornata della poesia…sul Cornizzolo

La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale Unesco nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. Da allora, il 21 marzo di ogni anno, nel giorno della primavera, l'UNESCO celebra la Giornata Mondiale della Poesia riconoscendo all'espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo interculturale, della comunicazione e della Pace.

Il poeta Caldirola

"In un mondo "urlato", caratterizzato dal culto dell'immagine, dell'apparire, giocato sul presente e sulla presenza, non solo fisica ma soprattutto sui social (Twitto, quindi sono!), la Poesia è una necessità, una reazione a ciò che distrae dall'essenziale portandoci nel fondamentale spazio della riflessione" hanno spiegato le insegnanti della classe terza della scuola primaria Segantini di Cesana Brianza che, in questa giornata, hanno lavorato con il poeta di Bosisio Parini Stefano Caldirola per costruire una poesia che rappresentasse, per loro, la primavera.

Lo spunto è stato dato osservando, durante l'intervallo, un bulbo di tulipano attorno al quale stava ronzando un'ape:

La primavera è un bulbo

che sboccia sulla Terra

e le api gli ronzano intorno

e lo guardano e ridono.


E ride anche il sole

nell'azzurro insieme alle nuvole

e il mondo è contento

e ride anche il bulbo.

Nel corso dell'incontro con gli alunni il poeta ha letto una sua poesia sul monte di Cesana, il Cornizzolo, facendo riflettere i bambini non solo sul contenuto ma anche sulla struttura e sulla tecnica poetica.

Cornizzolo

è il monte divelto dall'uomo,

un'ascesa priva di selva,

una pietra dal piede alla cima,

grigio mantello sull'Eupili mio;

questa roccia è un vallo latino,

la trincea disegnata da talpe

astute nei loro scavi tortuosi;

questo sasso senza ombra né

anima è solo aquiloni e cemento:

questo è un monte privo di cielo.


L'esperienza di questa giornata si inserisce, infatti, in un percorso didattico - centrato sulla poesia e sul Cornizzolo - che la studentessa Margherita Colombo dell'Università Bicocca di Milano, unitamente all'insegnante di classe, stanno proponendo agli alunni.

Al proposito sono stati invitati in classe due nonni, che in passato hanno lavorato nella cava di marna del Cornizzolo, per testimoniare la loro attività passata sul monte. Il signor Marziano Colombo si occupava prevalentemente di trivellare la roccia per inserire l'esplosivo, che in precisi momenti della giornata veniva fatto brillare, mentre il signor Giuseppe Castelnuovo manovrava la ruspa.

Uno dei momenti più rituali della giornata era il mezzogiorno in quanto a quell'ora venivano fatte esplodere le cariche esplosive che davano origine a una moltitudine di massi che, al rientro degli operai dopo la pausa pranzo, forniva il materiale per lavorare buona parte del pomeriggio.

I rumori dei lavori di cava e le esclamazioni di stupore davanti al ritrovamento di fossili ammoniti, hanno fornito lo spunto per far creare ai bambini una poesia, sfruttando le onomatopee:

I SUONI DELLA CAVA

Nonno Marziano

usava la TRRRRR per forare la marna

Nonno Giuseppe

manovrava la DRRRRR per spostare i sassi

A metà del dì

si sentiva BUUUUMMMM

ALT! STOP!

ACCIDENTIIII, ORPOLINAAAA

che mai saranno?

AHAAAA, ammoniti

M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco