Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.574.387
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Domenica 31 marzo 2019 alle 17:15

Oggiono: la 3^B della Secondaria in un originale spettacolo sul tema dello sport

Il laboratorio teatrale tenuto da Sarah Paoletti di Punto Teatro Studio con la classe 3^B della scuola secondaria di primo grado "Marco d'Oggiono", in collaborazione con la Biblioteca Civica, si è concluso giovedì sera con uno spettacolo particolarmente significativo sul tema dello sport. Il dirigente scolastico Domenico Rosa ha aperto la serata ringraziando tutti coloro che hanno reso possibile l'iniziativa e lasciando la parola alla professoressa Biella.




"Voglio presentarvi un percorso svolto con la mia 3^B, sorteggiata per il teatro a inizio anno: è stato un vero privilegio per noi insegnanti e per gli studenti. Abbiamo vissuto una grande emozione durante la visita al Museo del Ghisallo, con l'unica nevicata di fine anno lo scorso novembre. Ci hanno raccontato tante storie di sportivi, eroi e uomini straordinari. È stata un'emozione anche veder lavorare Sarah, che con la sua bravura ha saputo tirare fuori il teatro da ognuno dei ragazzi. È stato bello vedere i passi avanti degli alunni, che hanno imparato le qualità della disciplina e dell'obbedienza. Grazie all'assessore Ornaghi per la sua presenza alla gita e alle prove, molto preziosa data la sua conoscenza del teatro" ha detto l'insegnante.




Sarah Paoletti ha poi spiegato il tema affrontato nel laboratorio: lo sport, il fair play e in particolare il ciclismo. Ai ragazzi ha parlato di grandi figure di atleti e di questa disciplina molto legata al nostro territorio. L'assessore Ornaghi, protagonista come personaggio, ha calcato il palco per prima vestendo i panni di Calliope, musa che ha raccontato di aver educato i giovani allo sport, al sacrificio e al coraggio per mezzo della poesia epica. "La competizione deve la sua radice linguistica al verbo latino cumpetere, che indica il raggiungimento di un obiettivo insieme, secondo lo spirito di gruppo, oltre che individualmente. Con le opere che ho ispirato, ho insegnato il rispetto per la natura e la società, i valori, l'importanza del lavoro in autonomia. Prima Omero parlava degli eroi greci, poi Brera e altri giornalisti hanno raccontato di eroi sportivi per ispirare i giovani" ha declamato Elena Ornaghi.




Ma un giorno gli dei, annoiandosi parecchio, hanno creato l'uomo, con Prometeo, e poi la donna, con Pandora. Le hanno dato il famoso vaso contenente tutti i vizi, ma le hanno raccomandato di non aprirlo. Dopo tanta resistenza, spinta dalla curiosità, Pandora disobbedisce e fa uscire dal contenitore i vizi, che si disperdono per il mondo. A questo punto, gli dei creano i giochi olimpici, dai quali si svilupperà anche il ciclismo. I ragazzi della 3^B sono entrati in scena rievocando la storia di Bartali e Coppi e di altri grandi campioni di coraggio che si sono distinti nonostante le difficoltà.




I protagonisti dello spettacolo si sono poi affrontati in una gara al Ghisallo, soprattutto per opporsi ai soprusi di un ragazzo prepotente ma molto forte sui pedali. Il fratello del coraggioso sfidante, in officina, gli ha dato la bici che Coppi aveva regalato al figlio di un tifoso, dopo averla pensata per il proprio. Ed ecco che è cominciata un'avventura indimenticabile, fatta di ostacoli superati solo con la tenacia, la collaborazione, il fair play e l'esempio dei grandi del passato.
R.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco