Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.574.309
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Martedì 02 aprile 2019 alle 08:32

Un partito che non c'è. Non uno vale uno, ma uno vale l'altro

Cara Casateonline

E ancora una volta questa famosa antipolitica si manifesta in tutta la sua oggettiva pochezza proprio con chi con questa antipolitica ci ha fatto carriera e fortuna.

Disvelando che nemmeno dopo diversi anni, ossia senza più alibi, c'è un vero radicamento, c'è una vera militanza attiva nel M5S.

Quando c'è da scegliere il candidato in carne e ossa, non solo un facile simbolo alimentato dal marketing e dagli slogan, puff!!

Il M5S si ritira più che le acque del lago di Como.

Ennesima riprova la votazione di ieri per scegliere la prima rosa di candidati alle prossime elezioni europee di maggio.

Quasi 3000 autocandidature, 100.000 aventi diritto di voto, nemmeno 38000 votanti.

Quasi 2/3 non ha votato.

Tra tutti i candidati han scelto solo i primi 200, i 10 più votati per ogni regione.

I voti singoli di questi non sono stati volutamente rivelatima l'undicesimo ha preso mediamente 40/50 voti, inVeneto 135, Emilia 130, Lombardia 125, sebbene ogni iscritto poteva votare fino a 5 nomi.

E la chiamano democrazia diretta.

Il candidato della nostra provincia, Giovanni Galimberti, pur già consigliere comunale di Molteno, ha preso,arrivando nelle retrovie, solo 43 voti. Più o meno il parentado.

Questa antipolitica che non riesce nemmeno ad autoeleggersi è un aspetto che svela la pochezza del radicamento sul territorio e, nondimeno, la pochezza del valore e del coinvolgimento che il M5S è in grado di attrarre e mettere in campo addirittura tra i propri iscritti. Sbaglia l'evidenza?

Questa antipolitica che si dichiara maggioranza è più un pugnetto di generali per carriera e fortuna, senza esercito.

Il consenso farlocco.

Togliessero il simbolo questi untori dell'antipolitica non sarebbero votati da nessuno.

Anzi anche con il simbolo, se guardiamo le europarlamentarie di ieri.

Un tempo nel PCI c'era la scuola di partito alle Frattocchie, e dovevi fare gavetta e gavetta.
Oggi basta conoscere 100 amici e ti ritrovi euro-parlamentare, un gioco come a monopoli, senza passare nemmeno dal via.

Più che uno vale uno, qui è vero che uno vale l'altro.

Paolo Trezzi
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco