Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.503.575
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Lunedì 08 aprile 2019 alle 18:01

Casatese-Oggionese: a poco più di un mese dalle elezioni tante ancora le incognite. In sei comuni (forse) una sola lista

Sarà la difficoltà nell'individuare candidati da inserire in lista, oppure la volontà di creare suspence sino all'ultimo....sta di fatto che a poco più di un mese dalle elezioni amministrative che porteranno al voto ben diciassette comuni del territorio casatese-oggionese, sono ancora parecchi i punti di domanda. In molti casi infatti, i candidati al ruolo di sindaco non si sono rivelati, lasciando spazio sino ad ora più ai rumors che alle certezze. E' il caso, tanto per citarne uno, di Casatenovo.

Da sinistra Filippo Galbiati, Marco Pellegrini e Christian Perego, i probabili sfidanti alle elezioni di Casatenovo

Se il primo cittadino uscente Filippo Galbiati ha annunciato due settimane esatte fa la volontà di ricandidarsi, nessuna comunicazione ufficiale è giunta dai gruppi attualmente all'opposizione. Sia Più Casatenovo (civica di centrodestra), sia il Movimento Cinque Stelle hanno garantito la loro presenza alla sfida elettorale del prossimo 26 maggio, senza tuttavia concedere ulteriori dettagli. Il primo gruppo lo farà probabilmente giovedì 11 aprile, in occasione della cena di sostegno alla campagna elettorale in programma all'albergo Roma. Forse proprio nel corso della serata sarà annunciato il candidato sindaco, che a meno di sorprese dell'ultimo momento dovrebbe essere Marco Pellegrini, l'attuale capogruppo in consiglio comunale. Stesso ruolo attualmente ricoperto da Christian Perego, il papabile capolista del gruppo pentastellato. Una sfida a tre, tutta maschile quindi, che dovrebbe mettere l'uno contro l'altro figure già note nel panorama politico casatese.

I sindaci uscenti Luca Cattaneo (Bulciago), Sabina Panzeri (Costa), il vice Giuseppe Chiarella (Molteno) e Ave Pirovano (Cremella)

Sarà una battaglia tutta ''rosa'' invece, nella vicina Monticello. Anche in questo caso nessuna delle due liste si è ancora pronunciata a titolo ufficiale, ma a contendersi la poltrona di sindaco - quella oggi occupata da Luca Rigamonti, impossibilitato a ricandidarsi essendo giunto allo scadere del secondo mandato - dovrebbero essere Alessandra Hofmann per Rinnoviamo Monticello (la maggioranza uscente) e Ausilia Fumagalli per l'attuale gruppo di opposizione. Due volti nuovi, con la prima nota per il suo ruolo di consigliere presso la Casa di riposo di Via Sirtori, ambiente ben conosciuto dalla papabile sfidante, al fianco dell'ex sindaco Mario Villa nel ruolo di assessore ai servizi alla persona fino al 2009. A poco più di un mese dalla chiamata alle urne, si attendono però....conferme.
Sarà sfida a due anche a Barzago, dove Mirko Ceroli, attuale assessore all'ambiente ha deciso di scendere in campo raccogliendo l'eredità del compianto sindaco Mario Tentori, al fianco del quale ha lavorato per più di un decennio. Tenterà di conquistare la maggioranza dei voti dei barzaghesi l'attuale capogruppo di opposizione Emanuele Silvio Mauri, che un lustro fa aveva perso la partita per un pugno di voti.

I sindaci uscenti Luca Rigamonti (Monticello, Marco Manzoni (Colle Brianza) e
Giuseppe Borgonovo (Bosisio), impossibilitati a ricandidarsi essendo allo scadere del mandato

Corsa solitaria invece a Bulciago e Cremella, con due conferme. Entrambi i sindaci uscenti Luca Cattaneo e Ave Pirovano hanno deciso di correre per il secondo mandato, che quasi sicuramente sarà caratterizzato di nuovo dalla presenza di una sola lista, stante la mancanza di una alternativa. Una situazione che si riscontra anche nell'oggionese: a Costa Masnaga dovrebbe essere soltanto la formazione della prima cittadina Sabina Panzeri a scendere in campo, così come a Molteno e Suello dove gli attuali ''vice'' Giuseppe Chiarella e Giacomo Valsecchi hanno accettato di raccogliere il testimone dei colleghi che per cause di forza maggiore o per scelta hanno deciso di compiere un passo indietro. E Sirone? Anche qui con tutta probabilità ci sarà una lista soltanto, quella dell'attuale maggioranza. Chi la guiderà ancora non si sa, anche se appare favorito l'assessore uscente Emanuele De Capitani.

Sergio Pini e Rosaura Fumagalli, due candidati sindaci a Cassago

C'è del pepe invece a Cassago. La spaccatura della maggioranza ha portato alla nascita di due formazioni civiche vicine però al centrosinistra. Da un lato la prima cittadina uscente Rosaura Fumagalli, appoggiata da gran parte della squadra al governo; dall'altro Sergio Pini, storico esponente del Partito Democratico e già assessore a Nibionno, alla guida di Progetto Cassago Democratica, formazione che si identifica nella tradizione storico-politica del paese, quella avviata negli anni Settanta da Gaetano Sala e portata avanti poi da Luciano Fumagalli, Maurizio Corbetta e Gian Mario Fragomeli. Ma sarà sfida a tre, con l'avvocato Roberta Marabese che sarebbe pronta a guidare (nonostante non ci sia stato ancora l'annuncio ufficiale) una formazione di centrodestra appoggiata dai principali partiti.
Maggioranza a pezzi anche a Oggiono: l'attuale capogruppo Ferdinando Ceresa correrà per la Lega, mentre il vicesindaco Lamberto Lietti per la restante ala del centrodestra, pur proponendo una lista civica. Entrambe le formazioni godono dell'appoggio di amministratori uscenti: il sindaco Roberto Ferrari con Moreno Andreotti e Nadia Teruzzi da un lato, Elena Ornaghi, Alessandro Negri, Davide Bergna e Giuseppina Gerosa dall'altro. Una sfida che dovrà tenere conto della terza lista, Insieme per Oggiono, la prima ad essersi palesata con largo anticipo nel mese di settembre: quella guidata da Chiara Narciso, attuale capogruppo di minoranza.

I candidati alla carica di sindaco a Oggiono: Lamberto Lietti, Chiara Narciso e Ferdinando Ceresa

Ad Annone sarà sfida a due fra il sindaco uscente Patrizio Sidoti e la giovane consigliera di opposizione Federica Bartesaghi, sostenuta dal capogruppo di maggioranza (uscente) Marco Longoni, che in questi anni ha manifestato posizioni spesso in contrasto con i suoi alleati. A Bosisio Giacomo Gilardi tenta la corsa a sindaco dopo la sconfitta del 2014; questa volta però non ci sarà il primo cittadino Giuseppe Borgonovo, impossibilitato a ricandidarsi. Il suo testimone è stato raccolto da Andrea Colombo, l'uomo su cui la formazione bosisiese alleatasi con Walter Gaiardoni ha deciso di puntare. Resta però, a poche settimane dal deposito delle liste, l'incognita Paolo Gilardi, l'ex assessore dimessosi nei mesi scorsi in contrasto con le posizioni dei compagni di maggioranza. Probabile l'intenzione da parte sua di presentarsi alla testa di una formazione civica.
A Rogeno Antonio Martone e la squadra hanno deciso di puntare tutto sul giovane assessore Matteo Redaelli, mentre nulla ancora si sa sul gruppo di minoranza, che ha però assicurato la volontà di ripresentarsi con un proprio candidato.

Il candidato sindaco di Rogeno Matteo Redaelli e accanto Federica Bartesaghi e Patrizio Sidoti, sfidanti ad Annone

Sfida a due a Castello Brianza tra il sindaco uscente Aldo Riva e (probabilmente) il suo predecessore, la leghista Luigina De Capitani. Un po' più su, a Colle, sarà forse l'assessore al bilancio Tiziana Galbusera a raccogliere il testimone dall'attuale primo cittadino Marco Manzoni, sfidando il capogruppo di minoranza Aldo Dal Lago, più che mai intenzionato a giocarsela. A Garbagnate invece Sergio Ravasi ha deciso di tentare il ''bis''; sarà un confronto a due con Mauro Colombo, anima della combattiva minoranza che stavolta ha deciso di allearsi con l'altro capogruppo all'opposizione, Maurizio Fumagalli. A Dolzago invece, sfida a tre fra l'uscente Paolo Lanfranchi, il suo ex alleato Adelio Isella (già sindaco fino al 2014) e una nuova formazione civica di cui per il momento si sa poco o nulla.
Considerando che tra pochi giorni scadono i termini per il deposito delle liste, la campagna elettorale in molti casi sarà davvero breve, forse la più breve della storia amministrativa del nostro territorio.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco