Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.519.259
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Venerdì 12 aprile 2019 alle 19:01

Confcommercio, si riunisce l'assemblea generale

La relazione del presidente Antonio Peccati è stata al centro dell’assemblea ordinaria di Confcommercio Lecco, svoltasi nella serata di giovedì 11 aprile presso la sala conferenze a Palazzo del Commercio a Lecco. Nel suo intervento il presidente è partito da un tema di grande attualità, come quello dell’Europa: “Confcommercio-Imprese per l'Italia crede in un'Europa che abbia come obiettivo primario il miglioramento della crescita economica e imprenditoriale, della competitività e dell'occupazione, e auspica un maggior impegno dell'Unione per la tutela e la valorizzazione del terziario di mercato.
L'Europa è sicuramente perfettibile e da migliorare ma è la nostra casa”. Sul fronte della situazione economica ha poi rimarcato: “L’attuale clima di insicurezza lo toccano con mano ogni giorno le nostre imprese, soprattutto quelle del commercio tradizionale. La fragilità strutturale dell'economia italiana, un debito pubblico sempre più incombente e ingombrante, la cronica mancanza di riforme serie e profonde, le continue elargizioni di natura elettorale, la presenza di una burocrazia asfissiante. Tutti fattori che rallentano pesantemente il nostro Paese, tutti temi che il nostro presidente nazionale Carlo Sangalli continua a evidenziare da tempo restando purtroppo inascoltato”.

Dopo avere evidenziato i timori legati all’Iva “il cui possibile aumento resta sempre una Spada di Damocle sulla testa del nostro settore”, Peccati ha sottolineato alcuni interventi in ambito fiscale presenti nella Manovra e apprezzati da Confcommercio (dall’avvio della flat tax alla riduzione dell’Ires sugli utili reinvestiti, dall’introduzione della cedolare secca sulle locazioni di immobili ad uso commerciale al credito d’imposta per le edicole), bocciando invece il Reddito di Cittadinanza: “Da imprenditori crediamo che sarebbe prioritario aiutare le imprese a creare lavoro”.
Sul fronte territoriale ha poi evidenziato: “Il 2018 è stato un anno molto positivo per Confcommercio Lecco: abbiamo registrato 175 nuovi soci, con 109 cessazioni nel 2018, e un +66 di incremento complessivo. Ogni tanto si danno per scontate azioni che non lo sono minimamente... Oggi essere associazione è complicato e per nulla banale. C'è da essere orgogliosi di quanto fatto. Confcommercio Lecco non vive di rendita e non si ferma. A fianco di quelli che sono i servizi tradizionali - e che comunque sono sempre da migliorare - sappiamo e vogliamo fare anche altro, cercando di anticipare le esigenze degli associati. Abbiamo una visione ampia, cerchiamo nuove strade e nuove sfide. Sapendo che, in un mondo dove la crisi ha segnato il passo, avere più associati e far crescere il fatturato delle nostre società è tutt'altro che semplice e scontato”.
Dopo avere rimarcato il valore di diverse iniziative quali Job Turismo Lecco (“Una proposta innovativa che vogliamo continuare a implementare perché diventi sempre più strategica”), Leggermente (“Il nostro impegno per questa rassegna non viene meno, anzi rilanciamo e ampliamo la sua portata avendo ben presente il valore del coinvolgimento delle scuole e degli studenti”) o Wow Che Sconti (“Il bilancio è sicuramente positivo, i risultati ci sono e l'interesse per le card e i cataloghi cresce”), il presidente si è soffermato sul corso di Alta Formazione Manageriale nel settore Turistico Alberghiero, il progetto, promosso da Confcommercio Lecco in collaborazione con SDA Bocconi, rivolto a imprenditori o loro collaboratori che vogliono consolidare la propria posizione sul mercato: “Siamo convinti da tempo che la crescita della attrattività turistica del territorio e la valorizzazione delle sue qualità in termini di accoglienza passino anche da un potenziamento della formazione degli operatori e da un incremento delle capacità manageriali. La risposta c'è stata l'anno scorso, con 15 iscritti, che sono quasi raddoppiati per la seconda edizione, a conferma del valore della proposta”.

Quindi ha affrontato i temi interni della formazione, del welfare aziendale e della assistenza sanitaria (garantita da Ente Mutuo), ma anche delle attività legate alla privacy e alla fatturazione elettronica. Per concludere poi con una considerazione sulla nuova Camera di Commercio (“Ci faremo garanti del nostro territorio senza posizioni di retroguardia ma guardando in avanti con visioni strategiche e capacità progettuale”) e una indicazione sulla mission della associazione: “Confcommercio Lecco è pronta a intervenire sempre a fianco delle imprese offrendo risposte immediate e dove possibile anticipando gli scenari. Crediamo nella forza del gioco di squadra, nel valore di chi lavora in Confcommercio Lecco sotto la guida del segretario generale Alberto Riva che ringrazio. Siamo consapevoli delle sfide che abbiamo davanti, ma siamo altrettanto sicuri di potere tutelare al meglio le imprese del commercio, del turismo e dei servizi che hanno scelto Confcommercio Lecco come loro casa”.
Al termine della relazione ci sono stati i tradizionali adempimenti (esame e approvazione del bilancio consuntivo 2018 e preventivo 2019), oltre alla relazione del Collegio sindacale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco