Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.574.469
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Lunedì 29 aprile 2019 alle 16:53

Partito Pirata: due ex villagreppini candidati al parlamento europeo

Due ex-villagreppini e compagni di classe, Paul Stephen Borile e Aaron Fabio Brancotti, si presentano alle prossime Elezioni Europee. Entrambi classe 1964 e diplomati nel 1983 con specializzazione elettronico-informatica, hanno deciso di scendere in campo tra le fila del Partito Pirata, realtà politica inedita nel panorama italiano ma già da tempo presente a livello europeo.

Alla domanda "Perché il Partito Pirata?" la risposta è corale: "Siamo orfani di una rappresentanza politica ormai da tempo. Riteniamo che il Partito Pirata, con il suo accento sul bene più prezioso dei nostri tempi - la Conoscenza - sia la migliore scelta possibile per contrastare una politica fatta di istinti primordiali ed esplicito disprezzo di sapere, esperienza, storia, scienza... semplicemente, non potevamo più stare a guardare senza far nulla."

D: "Quali sono i temi dei quali vi occuperete?"

Risponde Paul Borile: "Sono davvero tantissimi, ma quello che veramente percepisco in prima persona è il discorso su clima e ambiente e l'unione europea e' a mio avviso il luogo migliore per iniziare questa battaglia. Vedo la preoccupazione delle nuove generazioni che lo sentono come una minaccia gravissima per il loro futuro. Il problema è risolvibile, ma bisogna agire prima possibile".

Aggiunge Aaron Brancotti: "Altro tema caro al Partito Pirata è tutto quello che riguarda l'ecosistema tecnologico e digitale nel quale volenti o nolenti ci troviamo a vivere. Necessità di privacy e sicurezza ma contemporanea trasparenza dello Stato e dei suoi meccanismi, macchine che erodono sempre più il mercato del lavoro, semplificazione dell'apparato burocratico, lotta all'evasione fiscale e tanto altro ancora sono problemi tra loro profondamente intrecciati. La tecnologia può migliorare enormemente la qualità delle nostre vite ma a patto che venga utilizzata in maniera accorta; noi riteniamo che l'attuale scenario politico sia impreparato a raccogliere questa sfida, che è invece nativa per il Partito Pirata".


Ulteriori informazioni sui due candidati possono essere trovate sui relativi siti e pagine Facebook:

https://www.paulstephenborile.eu/

https://www.facebook.com/aaron.brancotti/

Il sito e il Programma Comune Europeo (CEEP) del Partito Pirata:

https://www.partito-pirata.it/

https://www.partito-pirata.it/ceep19/

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco