Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.698.787
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Giovedì 09 maggio 2019 alle 10:19

Bosisio: dopo i furti, rafforzata la sicurezza con un allarme ai bagni dell’area Precampel

I bagni pubblici al Precampel
Rafforzate le misure di sicurezza ai bagni del Precampel per prevenire gli episodi di vandalismo. Da questa mattina, giovedì 9 maggio, sono stati riaperti i servizi pubblici sul lungolago posati dall'amministrazione quasi un anno fa.
Si tratta di servizi all'avanguardia, dotati di un sistema automatico per l'ingresso e di pulizia autonoma dopo l'utilizzo. Comprendono anche lo spazio per disabili e il fasciatoio per gli infanti. L'opera era costata alle casse comunali circa 65.000 euro: un investimento, quello dell'amministrazione guidata da Giuseppe Borgonovo, che rientrava nel più ampio progetto di riqualificazione di tutta l'area lago, sponde comprese.
Tuttavia qualche malintenzionato ha preso di mira i bagni, complice forse la località un pò isolata - soprattutto nella fascia oraria notturna - in cui sono collocati. Tra la fine di dicembre del 2018 allo scorso aprile, la struttura è finita già tre volte nel mirino dei vandali, con ogni probabilità persone diverse in ciascuna delle occasioni, secondo quanto sarebbe emerso dai filmati di video sorveglianza.
Dopo i primi due tentativi, che avevano tra l'altro fruttato soltanto poche decine di euro nelle tasche dei furfanti, l'amministrazione aveva deciso di rafforzare le porte ma questa misura non era bastato perché un altro colpo ai danni della struttura pubblica è stato registrato nella seconda metà di aprile, qualche giorno dopo la Pasqua. Proprio le festività e il bel tempo di quei giorni, avevano portato un discreto incasso nella gettoniera tanto che la somma prelevata dal malintenzionato era stata di poco superiore a 200 euro.
"A febbraio, dopo il secondo episodio di furto, avevamo deciso di rafforzare il telaio della porta: all'ultimo tentativo infatti non era stato interamente distrutto lo stipite e il danno era stato nettamente inferiore. Tuttavia è un pò demotivante subire questa raffica di furti: il nostro intento era quello di fornire un servizio utile alla cittadinanza e a tutti i visitatori che apprezzano la nostra passeggiata" ha commentato Walter Stucchi, consigliere delegato ai rapporti con la cittadinanza e alla Polizia locale.
Se il danno di febbraio ammontava a 2.300 euro, quello avvenuto ad aprile è costato quasi 1.000 euro alle casse comunali. L'amministrazione ha dunque deciso di rafforzare ulteriormente le misure di sicurezza per prevenire questi assurdi episodi. "Abbiamo introdotto un impianto di allarme video sorvegliato collegato con le forze dell'ordine: se qualcuno tentasse di forzare la porta, automaticamente entrerebbero in gioco i Carabinieri. Abbiamo inoltre attivato il servizio di vigilanza, mentre è stato stabilito che le gettoniere verranno svuotate giornalmente. Speriamo che queste misure possano costituire un buon deterrente e porre fini a questi tristi episodi" ha concluso Stucchi.
I bagni, a seguito dell'introduzione di queste nuove misure, saranno sottoposti a controllo per l'intero arco della giornata, fasce notturne incluse.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco