Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 200.697.631
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 04/05/19

Lecco: V.Sora: 101 µg/mc
Merate: 93 µg/mc
Valmadrera: 92 µg/mc
Colico: 88 µg/mc
Moggio: 106 µg/mc
Scritto Martedì 14 maggio 2019 alle 14:55

Lavoro: Conad acquista il gruppo Auchan. Incerto il futuro per il Simply di Barzanò

Il Simply di Barzanò
Circa 1.600 punti vendita del gruppo Auchan Retail Italia passeranno presto nelle mani di Conad. L’ufficialità è arrivata quest’oggi e si tratta, oltretutto, di una conferma delle numerose indiscrezioni che avevano incominciato a circolare attorno all’operazione alcune settimane fa.
Circa 1 miliardo di euro per rilevare ipermercati, supermercati, negozi di prossimità con i marchi del gruppo francese e Simply, e tra questi il negozio di via IV Novembre a Barzanò, quello di Vicolo San Giacomo a Lecco e il centro commerciale Auchan di via Bergamo a Merate. In tutto sono circa 200 i lavoratori lecchesi che ad oggi non conoscono con esattezza quale sarà il futuro dell’azienda per cui lavorano. I sindacati avevano incominciato a manifestare preoccupazioni già a partire dalla metà di aprile, quando la possibilità di una vendita di Auchan si faceva sempre più insistente, anche se allora sembrava che il gruppo fosse intenzionato a vendere solamente il ramo minore dell’azienda. E invece oggi la stessa Conad ha ufficializzato l’acquisto, che sarà perfezionato solo nel secondo semestre dell’anno, dopo la valutazione dell’Antitrust, con la notizia apparsa anche sui principali quotidiani nazionali.
Si confermano però anche le preoccupazioni da subito manifestate dai sindacati lecchesi che lo scorso 2 maggio avevano anche aderito allo sciopero indetto dalla categoria del commercio a livello nazionale, organizzando un presidio in centro a Lecco. In quell’occasione, Barbara Cortinovis della CGIL e Roberto Frigerio della CISL avevano spiegato che a lasciarli più perplessi era stato il fatto di apprendere le notizie della possibile vendita solo dalla stampa e, dunque, la poca disponibilità al dialogo dimostrata dai vertici dell’azienda francese.

Articoli correlati:

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco