Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.981.796
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Domenica 19 maggio 2019 alle 18:48

Cassago: scontro tra la maggioranza e gli ex Colzani e Cossetta sul 'deposito del bilancio'

La sfida elettorale accende gli animi e ''volano gli stracci'' tra gli ex consiglieri di maggioranza, Marco Cossetta e Lorenzo Colzani, e il resto del gruppo rimasto a fianco della sindaca Rosaura Fumagalli. I primi due, candidati ora per Progetto Cassago Democratica, hanno deciso di non ratificare la deroga sui giorni di deposito del bilancio consuntivo, già approvato dalla giunta comunale. “Abbiamo cercato di non lasciare ulteriori incombenze alla nuova maggioranza”, spiega Antonio Carrino, assessore alle risorse finanziarie e candidato per #Insieme, “e abbiamo chiesto alle minoranze di dare il via libera a una deroga sui giorni di deposito di un documento non politico ma solo tecnico: la rendicontazione delle spese e delle entrate effettivamente sostenute per la gestione dell'ente comunale”. Nonostante i due consiglieri di Progetto Cassago Democratica abbiano fatto parte della maggioranza fino a pochi mesi fa, hanno deciso in questa occasione di non accettare la richiesta di via libera del bilancio consuntivo, avanzata dalla sindaca Fumagalli e dalla giunta.


Rosaura Fumagalli, Lorenzo Colzani, Marco Cossetta

La sua mancata presentazione entro i termini di legge “è un fatto gravissimo”, puntualizza su Facebook Progetto Cassago Democratica, “andrebbe a comportare il commissariamento del Comune da parte del Prefetto, evitato solo dall’imminenza del voto”. Accuse a cui il gruppo #Insieme ha risposto piccato, prima rivendicando il lavoro dell’anno passato, “I 107.672 euro di avanzo spendibile rappresentano il dato più importante per i cittadini”, e poi spiegando la mancata presentazione del bilancio consuntivo entro i termini di legge. “Abbiamo richiesto agli uffici di redigere il bilancio anche con i requisiti della contabilità economico-patrimoniale a maggior garanzia di trasparenza e contabilità […] anche se la norma non lo impone ai comuni sotto i 5000 abitanti”, sforando così però, i termini di approvazione per un documento “tecnico che fotografa la gestione precedente” e non “politico che ha riflessi diretti sui cittadini”.
Il mancato rispetto dei termini di legge ha spinto l’attuale amministrazione a chiedere al “gruppo di minoranza e ai due consiglieri di Progetto Cassago Democratica di derogare ai tempi di deposito, convocandoli per illustrare loro i dati e fornire tutti i chiarimenti necessari rispetto a una situazione positiva”. A questo punto però, “la minoranza [del gruppo Obiettivo Cassago Futura Ndr] ha risposto positivamente e si è resa disponibile per il consiglio in programmazione per il 23/05 mentre i consiglieri di Progetto Cassago Democratica non si sono neppure presentati alla riunione, inviando una mail con la quale comunicavano che a seguito di una consultazione del gruppo politico non ravvisavano ‘l’opportunità politica di intraprendere una discussione al riguardo’ e che preferivano demandare al nuovo consiglio comunale la presa d’atto”.
“La prossima Amministrazione dovrà trottare per poter adempiere – quale primo suo atto – al provvedimento”, è l’ammissione, sempre su Facebook, della lista Progetto Cassago Democratica.
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco