Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.981.888
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Sabato 08 giugno 2019 alle 09:27

Missaglia: in meno di due mesi, sette gli incidenti sulla SP54

Tre chilometri di strada, su per giù. Da Monticello a Montevecchia, con decine di migliaia di veicoli in transito ogni giorno. E' la SP54, l'arteria che attraversa da nord a sud il territorio di Missaglia: proprio in questo tratto sono stati ben sette i sinistri stradali che si sono verificati nell'ultimo mese e mezzo. Un numero decisamente significativo, se si considera che abbiamo notizia soltanto di quelli che hanno causato feriti e per i quali è stato richiesto l'intervento dei mezzi di soccorso.

L'auto schiantatasi contro un muro giovedì a Bariano

L'ultimo in ordine di tempo si è registrato giovedì all'ora di pranzo quando un ottantenne ha perso il controllo della sua Fiat Panda. L'auto, che procedeva in direzione Merate, ha sbandato, finendo la propria corsa contro un muro in prossimità della rotonda di Bariano. Proprio qui una settimana fa (il 30 maggio) era stato un motociclista 28enne ad avere la peggio, finendo rovinosamente sull'asfalto a seguito dell'impatto con una Ford Fusion che da Maresso si era immessa in rotatoria, con direzione Monticello.

Il tratto della SP54 tra Monticello e Montevecchia

Codice verde - per fortuna - per il giovane, ma viabilità in tilt proprio nell'orario di rientro al lavoro dopo la pausa pranzo. Lo stesso giorno, un paio di ore dopo e qualche centinaio di metri più avanti (più precisamente in prossimità di Scaccabarozzi autotrasporti) due auto si erano scontrate fra loro e anche in quel caso si era reso necessario l'intervento di un'ambulanza per prestare soccorso ad una donna rimasta ferita.

Scontro auto-moto alla rotonda di Bariano

Bisogna poi fare un balzo all'indietro di un mese: tra il 23 e il 29 aprile sono stati infatti ben tre gli incidenti stradali verificatisi in punti diversi dell'arteria provinciale. Ancora una volta in prossimità della rotonda di Bariano, una Toyota Aygo condotta da una giovane si era ribaltata su un fianco dopo aver frenato e sterzato di colpo, nel tentativo di evitare la vettura che la precedeva. Conducente illesa ma traffico in tilt. Era andata molto peggio quattro giorni prima: il 25 aprile, di prima mattina, una Renault Clio che procedeva in direzione Monticello aveva invaso l'opposta corsia di marcia, finendo contro un camion della raccolta rifiuti. Lunghe operazioni da parte dei vigili del fuoco per estrarre dall'abitacolo del mezzo il conducente 40enne, vittima probabilmente di un colpo di sonno che poteva costargli anche più caro.

Toyota Aygo ribaltata a Bariano

Conseguenze gravi anche per i quattro ragazzi che viaggiavano a bordo della Volkswagen Polo che martedì 23 aprile si era schiantata contro il muro tra la SP54 e Via Vespucci, mentre procedevano in discesa in direzione Merate. Il 18enne alla guida aveva perso il controllo dell'utilitaria di proprietà di un amico e dopo aver colpito il cordolo della rotonda di Casa Massimo, l'auto si è lanciata a tutta velocità in avanti, colpendo appunto il muro. Se due degli occupanti erano usciti quasi illesi dalla vettura, era andata peggio agli amici, trasferiti in gravi condizioni in ospedale, uno tramite l'elisoccorso, atterrato nel vicino campo sportivo.

La Volkswagen Polo finita contro un muro alla rotonda di Casa Massimo

Aveva rimediato un trauma al braccio invece, il ragazzo in sella ad una moto che dopo aver fatto rifornimento alla stazione di servizio Tamoil si era immesso sulla SP54, schiantandosi contro un mezzo pesante che procedeva verso Merate. Il mese prima un grave incidente si era invece verificato tra Lomaniga e Montevecchia, all'intersezione di Via Kennedy, l'arteria che conduce verso la località Orane. Una Fiat Panda, nell'immettersi sulla strada principale, era finita contro un camion in marcia verso il meratese. Impatto violentissimo e lesioni gravi per l'anziano alla guida dell'utilitaria, e traffico completamente paralizzato in entrambe le direzioni di marcia.
Un'escalation impressionante di sinistri stradali in pochi chilometri di strada: casualità o c'è una ragione precisa dietro a questo fenomeno?

Violento scontro tra un'auto e un camion tra Via Kennedy e la SP54

''Credo si tratti di un caso perchè gli incidenti sono avvenuti in punti diversi dell'arteria provinciale, differenziandosi anche per la dinamica'' il commento del sindaco Bruno Crippa. ''Ad ogni modo dobbiamo ragionarci sopra per valutare eventuali interventi da assumere per ridurre l'eventuale pericolosità. Da parte nostra abbiamo già nel cassetto un progetto per trasformare lo spartitraffico all'imbocco di Via 1°Maggio in una rotonda, in maniera tale da ridurre la velocità dei mezzi che provengono dal meratese e che viaggiano verso Monticello. C'è poi il discorso relativo a Via Kennedy: lì serve una rotonda e a questo proposito insieme agli altri sindaci abbiamo proposto alla Provincia di farsi carico della strada. La richiesta è arrivata e non appena saranno definite le priorità di intervento se ne discuterà tutti insieme''.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco