Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.311.880
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Lunedì 10 giugno 2019 alle 11:44

Monticello: 27enne in bici travolto mentre attraversa la SP51 da un'auto che non si ferma


I soccorsi intervenuti questa mattina in Via Provinciale

Avrebbe travolto un 27enne che in sella alla sua bicicletta stava attraversando la strada provinciale 51, dileguandosi poi senza prestare soccorso. L'episodio risale alla mattinata di lunedì 10 giugno quando un ragazzo che frequenta Villa Ratti - la comunità terapeutica di Via Provinciale - è stato investito a pochi passi dalla struttura, nei pressi della pensilina dell'autobus in località Torrevilla. Un impatto che - secondo quanto avrebbero riferito i testimoni - sarebbe stato decisamente violento, con il giovane ciclista finito dapprima contro il paraurti e poi sul parabrezza della vettura, condotta senza ombra di dubbio da una donna. Quest'ultima però, avrebbe proseguito la propria marcia in direzione Casatenovo.
Immediata la chiamata ai soccorsi, con il 118 intervenuto sul posto per prestare le prime cure del caso al 27enne. Cosciente, il ragazzo è stato trasportato in codice giallo al pronto soccorso per gli accertamenti del caso ma le sue condizioni non sembrano destare preoccupazione. Sul posto la polizia locale per i rilievi finalizzati a ricostruire con esattezza la dinamica del sinistro e soprattutto a rintracciare la donna che dopo aver investito la bicicletta, non si sarebbe fermata. Le testimonianze dei presenti potrebbero rivelarsi fondamentali per risalire all'identità dell'automobilista.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco