Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.982.007
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Martedì 11 giugno 2019 alle 07:09

Annone, ponte: proseguono i lavori per la creazione della nuova strada

Lavori in corso per la creazione della superficie carrozzabile del ponte in corrispondenza del chilometro 41,200 della statale 36 del lago di Como e dello Spluga.
Il ponte di Annone Brianza, grazie al lavoro di tre grandi gru della Autovictor di Novara, è stato varato nel pomeriggio di mercoledì 29 maggio, al termine di due giorni di chiusura al traffico dell'arteria stradale: la struttura lunga 44 metri e del peso di circa 250 tonnellate, era stata posata sulle sponde in cemento.
Terminato il delicato lavoro della posa della struttura a unica campata in acciaio corten, sono in seguito cominciati i lavori che permetteranno di riaprire al traffico il cavalcavia.

Il cantiere per la nuova strada sopra il ponte di Annone

Da circa una settimana ci sono una decina di operai al lavoro: il compito è nuovamente tornato nelle mani della Co.Est di Moliterno, l'associazione temporanea di imprese che aveva vinto il bando di Anas per la realizzazione dell'opera: la nuova infrastruttura è costituita da un'unica campata in acciaio ad alta resistenza, con una soletta in calcestruzzo armato, appoggiata sulla parte inferiore di due travi laterali in acciaio. La luce libera dell'impalcato è maggiore rispetto alla struttura precedente e riduce l'interferenza con la circolazione stradale. La sezione stradale del nuovo ponte prevede, inoltre, la realizzazione di percorsi separati per ciclisti e pedoni, protetti da idonee barriere.
Trascorsi alcuni giorni dal varo della struttura, gli operai hanno incominciato a lavorare sul piano: "Stanno ormai concludendo i ferri che serviranno a formare la base dell'armatura. Poi cominceranno a gettare. In questa fase verranno anche inseriti i sensori che serviranno a captare ogni eventuale movimento del ponte. In aggiunta a questo, verranno installate telecamere che permetteranno di intercettare il passaggio di un veicolo al fuori degli standard previsti, ovvero 108 tonnellate" ha spiegato il sindaco Patrizio Sidoti. Come aveva spiegato l'ingegnere Dino Vurro responsabile del coordinamento territoriale Nord-Ovest di Anas, durante la visita al cantiere del ministro Danilo Toninelli, verrà posata una cella di peso in quarzo che misurerà gli scostamenti con una buona precisione. È inoltre prevista la posa di un accelerometro e un estensimetro per conoscere lo stato d'usura dell'infrastruttura.

Al termine del getto, occorreranno 28 giorni per far riposare il cemento: "Durante questo lasso di tempo, i lavoratori posizioneranno i guard rail, metteranno la rete metallica di protezione e inizieranno a sistemare i raccordi".
Si concluderà con la creazione delle piste ciclabili, l'installazione dell'impianto di illuminazione, la posa delle barriere laterali e infine il collaudo dell'intera opera.
Prima della metà di luglio, dunque, il ponte non dovrebbe essere ancora percorribile.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco