Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.981.618
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Martedì 11 giugno 2019 alle 19:16

Casatenovo: una bella domenica di sport in oratorio per ricordare il volontario Natalino

Il ricordo di Natale Redaelli, conosciuto da tutti come Natalino, è ancora vivo grazie al torneo calcistico in sua memoria organizzato dai figli Simone e Serena. La Natalino Cup è quindi tornata, anche quest'anno, con la terza edizione per portare una giornata di sport e divertimento in ricordo dello storico collaboratore dell'oratorio di Casatenovo, volontario del campeggio, direttore sportivo di molte società calcistiche del territorio, tra cui la San Giorgio Calcio, ma anche volontario dell'Auditorium.

Pescara Manzia, primi classificati

Queste erano solo alcune delle occupazioni di Natale, scomparso quasi tre anni fa, mentre si trovava in campeggio in Val d'Aosta con i ragazzi dell'oratorio di terza media.
Il torneo di calcio a cinque, che si svolge sul campo dell'oratorio San Giorgio di Casatenovo, ha preso il via domenica 9 giugno quando, poco prima delle ore 10, don Andrea Perego, vicario per la pastorale giovanile di Casatenovo e presidente del GSO San Giorgio, ha accolto e dato il via all'evento.

Gli organizzatori del torneo

Oltre ad avere chiesto di pregare per Natale Redaelli, don Andrea si è voluto soffermare sul significato della manifestazione. "Speriamo che questa possa essere una giornata trascorsa in serenità e amicizia nel nome dello sport. Chiediamo la protezione di Natalino, che dall'alto ci starà sicuramente guardando e si starà divertendo guardando i propri ragazzi giocare a calcio".
Circa centocinquanta iscritti, divisi in sedici squadre, si sono dati appuntamento quindi nella mattinata di domenica per sfidarsi nei campetti giallo e arancio preparati dai numerosi volontari. Tra loro, l'organizzazione ha voluto Carlo Pirola, ragazzo classe 2002 e portiere per la squadra del Torino; il giovane talento casatese, è stato scelto tra i premiatori del torneo in rappresentanza di tutti i ragazzi allenati da Natalino.

Momo Team, quarti classificati

La buona riuscita del torneo non è stata per fortuna compromessa dalle condizioni meteo, che seppur con qualche goccia di pioggia a tratti, ha regalato una giornata piuttosto soleggiata. A fare da cornice alle battaglie sportive, poi, molti sono stati gli spettatori attirati in oratorio tra amici, parenti e tifosi da tutta Casatenovo ed oltre; in aggiunta, un servizio di cucina con salamelle, patatine, ed altre prelibatezze hanno sfamato tutti le persone presenti.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Per l'edizione di quest'anno, gli organizzatori hanno deciso di donare tutti i proventi all'associazione ACMA Onlus (Alleanza Contro le Malformazioni degli Arti) che ha tra gli obiettivi quello di raccogliere fondi per "Il volo di Nicole", una bambina affetta da Iperplasia Femorale Congenita e Emmimelia Fibulare (assenza del perone, della caviglia, del calcagno, due dita del piede ed ha il ginocchio curvo non estendibile). Dopo diversi consulti in Italia, Nicole dovrà sottoporsi ad un intervento in Florida, in un centro specializzato in malformazioni ortopediche.

A sinistra don Andrea Perego

Il torneo ha preso dunque il via nella mattinata ed è proseguito fino a tardo pomeriggio tra fase a gironi, playoff, quarti, semifinali, finale terzo e quarto posto e finalissima primo e secondo posto. Al termine della competizione, spazio alle premiazioni prima di salutare tutte le persone coinvolte. Il primo trofeo ad essere stato assegnato è stato quello del miglior giocatore, che è andato nelle mani del giovane Rachid Kaudà della squadra Giangio Team che, nonostante la mancata qualificazione alla finale, ha fornito una prestazione di alto livello durante tutto il torneo.

Bere Meno, secondi classificati

La premiazione è poi passata ad assegnare le coppe del quarto e terzo posto: i quarti classificati sono stati i Momo Team, mentre i terzi la squadra Real Marocco. Ad un passo dal titolo più prestigioso è stata la squadra Bere Meno, che si è posizionata seconda, mentre, sul gradino più alto si sono posizionati i Pescara Manzia, la giovanissima squadra che ha mantenuto il primo posto dopo il successo della scorsa edizione.

Real Marocco, terzo posto

Al termine della giornata, si può dire che la Natalino Cup 2019 sia stata un'iniziativa all'insegna dello sport e del divertimento, che ha visto il campo dell'oratorio riempirsi, ancora una volta, di moltissime persone. L'appuntamento va ora quindi al prossimo anno, per la quarta edizione del torneo.
Alessandro Vergani
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco