Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.982.027
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Martedì 11 giugno 2019 alle 21:08

Costa, basket: stagione di successi, le 4 categorie giovanili vincono le ''regionali''

Non si arrestano i successi del basket Costa. Dopo la bellissima promozione in serie A1 della B&P autoricambi avvenuta a fine maggio dopo la vittoria contro l'alto Villafranca nella partita disputata in casa, sono i settori giovanili a regalare emozioni, con la promozione in blocco in prima squadra.

Nella stagione sportiva che si avvia verso la conclusione anche le "panterine" hanno infatti spiccato il volo verso l'alto: Under 18, 16, 14 e 13 hanno incassato i titoli regionali e ora stanno disputando le finali nazionali. Se per l'Under 16 e 14 si aspettano le gare decisive, l'Under 18 femminile, ha già stretto tra le mani la coppa d'argento: lo scudetto nazionale è stato acquisito dalla Umana Reyer Venezia che, con 72 punti, ha messo ko la Limonta Sport Costa rimasta a 44. Sempre all'interno della medesima categoria, la federazione italiana pallacanestro (FIP) ha convocato cinque atlete per gli incontri internazionali: Giorgia Balossi, Meriem Nasraoui, Martina Spinelli, Silvia Colognesi e Sofia Frustaci sono state convocate per i tornei internazionali in programma a Pesaro, dal 13 al 30 giugno, e a Roma, dal primo al 3 luglio.
Quanto ai risultati delle giovanili ha così commentato il direttore del Basket Costa Fabrizio Ranieri "Bicio": "È un grande motivo d'orgoglio e sopratutto un valore che pensiamo, al di là della serie A1, nessuna società in Italia può in questo momento vantare. Questa è una continuità di risultati a livello giovanile, associati a una quantità di squadre per il livello più basso che continuiamo a tenere perché il nostro obiettivo è fare sì la pallacanestro di vertice ma anche dare a tutti la possibilità di giocare a pallacanestro".


Nel frattempo, la società si sta occupando della formazione della nuova rosa di giocatori per le pantere della serie A1 Basket Costa per l'Unicef. Prima di tutto, il cambio di allenatore: Paolo Seletti subentrerà a Gabriele Pirola nella guida della formazione biancorossa: nel campionato del 2017/2018 aveva guidato il Marghera, mentre nell'ultima stagione era a Santarcangelo, alla guida della Under16 femminile. Tre saranno invece le nuove giocatrici: arriveranno a Costa Elisabeth Paverl, rumena, classe 1990 con alle spalle l'ultima esperienza a Reims, nel nord della Francia (qui ha avuto una media di 13.7 punti e 6.0 rimbalzi); l'americana Jori Davos, guardia americana originaria di New Orleans, già vista al lavoro in Italia. Presto verrà annunciato un terzo ingresso: nulla si sa oltre al fatto che anch'essa proviene da oltreoceano. Abbiamo chiesto a Bicio come si aspetta la nuova stagione: "È ovvio che cambiando così tanto e cambiando la categoria, si dovranno creare una serie di equilibri nuovi. Ci basiamo su due giocatrici che sono da noi per il quarto anno e tutto il settore giovanile che viene promosso in blocco in prima squadra: rappresenta un'abitudine al lavoro e a una qualità tecnica e atletica che speriamo possa dare continuità al lavoro svolto negli ultimi anni".

Quanto alle pantere biancorosse si è espresso così: "crediamo in questo gruppo. Sappiamo che non abbiamo fatto una squadra da vertice, ma un gruppo che tenterà di vendere cara la pelle in ogni situazione e raggiungere l'obiettivo minimo. Non siamo abituati e anche il pubblico dovrà abituarsi a non vederci vincere tutte le partite, ma abbiamo bisogno di entrare in questa categoria con calma, comprenderla, capirla e imparare a gestirla senza fare il passo più lungo di quanto ci è consentito dalle risorse che in questo momento abbiamo".
All'interno della squadra c'è grande motivazione. "C'è entusiasmo. Sono tutti emozionati e vogliosi di confrontarsi con questa categoria, sia la squadra da un punto di vista tecnico che la società da un punto di vista organizzativo e gestionale".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco