Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.982.619
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Mercoledì 12 giugno 2019 alle 09:56

Missaglia: ultimo atto della causa Motto. In Appello l'udienza per stabilire l'indennità

Si terrà proprio quest'oggi in Corte d'Appello a Milano una nuova udienza nell'ambito della causa legale che da decenni ormai contrappone il Comune di Missaglia agli eredi Motto. Al centro della vertenza c'è l'esproprio di un terreno privato in località Contra dove a fine anni Ottanta furono realizzati degli alloggi in edilizia economico-popolare dalla Cooperativa Armonia.

 

Gli alloggi della Cooperativa Armonia a Contra di Missaglia

Una questione decisamente delicata che a inizio dicembre si era arricchita di un ulteriore capitolo, con l'ordinanza della Cassazione che aveva parzialmente confermato la sentenza già emessa nel secondo grado di giudizio, condannando il Comune missagliese a versare ai ricorrenti una cifra consistente (stimata inizialmente intorno agli 800mila euro) dovuta all'indennizzo del terreno di Via Agazzino espropriato trent'anni fa a Giulio Motto per la realizzazione degli alloggi della cooperativa Armonia, e all'occupazione del suolo.
In consiglio comunale qualche settimana fa il sindaco Bruno Crippa aveva annunciato che spetterà al Comune pagare una parte dell'indennizzo destinato ai privati, quella relativa cioè agli interessi maturati nel tempo (calcolata in 361mila euro circa), mentre il resto sarà a carico dei proprietari degli alloggi. Una decisione quest'ultima, assunta dopo la consultazione con la Corte dei Conti.
La quota definitiva che dovrà essere corrisposta agli eredi Motto sarà definita quest'oggi in Corte d'Appello a Milano, o perlomeno in quella sede se ne discuterà. Diversi gli scenari ipotizzati: una sentenza immediata, un incarico esterno affidato ad un perito che dovrà calcolare con esattezza la cifra che spetta ai familiari del defunto Giulio, o addirittura la ratificazione di un accordo bonario tra le parti per giungere ad una risoluzione della vicenda, limitatamente alla cifra spettante i privati.
L'amministrazione missagliese non ha infatti nascosto l'esistenza di quest'ultima possibilità, stante i contatti che ci sarebbero stati fra i due legali negli ultimi tempi. Intanto il Comune ha deciso di costituirsi nel giudizio di riassunzione a chiusura della vicenda giudiziale nei confronti degli eredi Motto, affinché l'indennità definitiva venga calcolata secondo il principio indicato dalla Cassazione, conferendo l'incarico all'avvocato Francesca Guercio del foro di Milano che ha seguito l'intera vicenda.
Non resta quindi che attendere la chiusura definitiva di questa annosa vicenda, trascinatasi negli anni e dagli strascichi importanti, soprattutto dal punto di vista finanziario.
Articoli correlati:
17.05.2019 - Missaglia: in consiglio comunale bilancio consuntivo 2018 e variazione per i lavori a Ossola. Novità sulla 'vicenda Motto'
07.03.2019 - Missaglia, causa Motto: la minoranza ritira l'interrogazione. Visita alla Corte dei Conti
21.01.2019 - Missaglia: dalla minoranza un'interrogazione sulla vertenza Motto
04.12.2018 - Missaglia: la Cassazione si pronuncia sul braccio di ferro contro gli eredi Motto. Dal Comune un indennizzo ''da capogiro''
06.05.2016 - Missaglia: ''ecco la nostra verità''. Missiva delle sorelle Motto sull'esproprio fatto 30 anni fa. E' in corso la trattativa col Comune
03.12.2014 - Missaglia: causa contro gli eredi Motto, il comune ha siglato il ricorso in Cassazione
28.11.2014 - Missaglia: debito fuori bilancio di 960mila € per il Comune a seguito della sentenza sull'esproprio delle aree ai Motto negli anni Ottanta. Il pagamento spetterebbe ai condomini
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco