Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 184.570.162
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 21/09/18

Lecco: V.Sora: 134 µg/mc
Merate: 149 µg/mc
Valmadrera: 155 µg/mc
Colico: 126 µg/mc
Moggio: 121 µg/mc
Scritto Mercoledì 01 settembre 2010 alle 20:16

Molteno: incontro con i residenti di Coroldo per discutere la riapertura del crossodromo

Si incontreranno domani sera alla presenza dei sindaci di Molteno e Bosisio Parini i residenti moltenesi di Coroldo e via don Luigi Monza e i gestori del Moto Club Bosisio. Dopo la riapertura del crossodromo del Bordone l'intenzione è infatti quella di organizzare una riunione per "parlarne faccia a faccia" e cercare di "trovare una soluzione accettabile per tutti".
Come si ricorderà infatti l'impianto sportivo del motocross, aveva riaperto lo scorso 1° agosto in occasione della prima giornata del Trofeo Barzaghi. Una gara concessa in via del tutto eccezionale grazie al temporaneo nulla osta delle amministrazioni comunali di Bosisio e Molteno. Lo scopo infatti era quello di far ripartire le manifestazioni sportive in quanto fonte di quegli introiti necessari per finanziare il completamento dei lavori di adeguamento dell'impianto.

Immagini del trofeo Barzaghi disputato al Bordone

Dopo il lungo periodo di chiusura a causa della mancanza degli standard di sicurezza previsti, il campo del Bordone aveva così riaperto. Ma nelle scorse settimane l'inquinamento acustico, già in passato tra i motivi di contestazione, è tornato ad essere al centro delle lamentele dei residenti.
"Finora ho parlato con le varie parti singolarmente" ha spiegato il sindaco di Molteno Mauro Proserpio. "Credo che adesso sia giunto il momento di confrontarsi tutti insieme per cercare di trovare un compromesso. I membri del Moto Club Bosisio devono tenere conto che in quella zona ci sono dei residenti che giustamente hanno delle esigenze; dall'altro lato però non si può non tener presente che c'è una realtà sportiva che alle sue spalle ha trent'anni di storia".



La speranza quindi è quella di un accordo e potrebbero esserci anche alcuni presupposti positivi. "I residenti hanno più volte ribadito che la loro intenzione non è mai stata quella di far chiudere il crossodromo. D'altra parte i gestori dell'impianto sportivo si sono dimostrati disponibili ad alcune condizioni che vanno al di là delle richieste minime previste dalla legge" ha spiegato il primo cittadino.
Si attende dunque l'esito della riunione di domani sera per capire le prospettive future. Un incontro a cui, secondo alcune indiscrezioni, parteciperanno anche i rappresentanti legali e che date le premesse potrebbe anche animare uno scontro acceso. La speranza resta tuttavia quella di trovare un punto d'incontro. "L'intenzione è quella di riuscire ad arrivare ad un protocollo d'intesa per una reciproca convivenza. Io credo poco ai risultati prodigiosi delle sentenze, credo piuttosto nel potere della contrattazione; domani sera le parti avranno la possibilità di quest'incontro, speriamo si riesca a trovare una soluzione, l'opportunità è stata data" è stato il commento del sindaco moltenese Mauro Proserpio.
Secondo alcune indiscrezioni limitazioni degli orari delle prove e delle gare potrebbero essere tra i punti che potrebbero far parte dell'eventuale protocollo d'intesa.



Presente anche l'Arco, l'associazione residenti di Coroldo, che da parte sua non ha preso una posizione ufficiale, sebbene la zona, unitamente a via don Luigi Monza, sia una delle aree maggiormente interessate dai problemi acustici.
Nel frattempo fervono i preparativi per la seconda giornata del Trofeo Barzaghi, prevista proprio per domenica, 5 settembre. Un appuntamento dato praticamente per certo dagli organizzatori, ma la cui firma sul documento di deroga a tutt'oggi non è ancora stata posta. "Da parte dell'amministrazione comunale di Molteno c'è tutta la disponibilità a concedere una seconda deroga per andare incontro alle esigenze del Moto Club di Bosisio" ha spiegato Proserpio. "Tuttavia dall'altra parte vorrei vedere lo stesso tipo di disponibilità. Domani sera vedremo quale sarà l'esito dell'incontro".
Articoli correlati:
02.08.2010 - Bosisio: 150 piloti al trofeo Barzaghi che ha sancito la riapertura del ''motocross''
M.M.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco