Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 177.649.460
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 15/06/18

Lecco: V.Sora: 139 µg/mc
Merate: 141 µg/mc
Valmadrera: 154 µg/mc
Colico: 128 µg/mc
Moggio: 129 µg/mc
Scritto Venerdì 25 marzo 2011 alle 17:39

Molteno: a maggio probabile riapertura del crossodromo con barriere fonoassorbenti

Potrebbe riaprire già dal prossimo mese di maggio l’attività di gara del crossodromo del Bordone, l’impianto sportivo dedicato alle motocross posizionato tra i comuni di Molteno e Bosisio Parini.
Negli ultimi giorni è infatti scaduto il termine per la presentazione, da parte della Soprintendenza ai beni ambientali, di prescrizioni relative all’aspetto paesistico dei terrapieni fonoassorbenti, opere che la gestione del crossodromo dovrà obbligatoriamente realizzare per poter ottenere il benestare dell’amministrazione comunale di Molteno allo svolgimento delle gare.


Verificata l’assenza di direttive da parte della Soprintendenza, il Comune di Molteno rilascerà nelle prossime settimane al Moto Club - che attualmente gestisce l’impianto sportivo - l’autorizzazione edilizia per la realizzazione dei terrapieni. Espletate le pratiche legate all’allacciamento fognario e soddisfatte le prescrizioni igienico sanitarie previste dalla legge, il Bordone potrà quindi riprendere le attività di gara sospese a partire dallo scorso autunno.

Immagini del trofeo Barzaghi disputato al Bordone

“L’unico ‘paletto’ che potevamo mettere è quello relativo al rumore prodotto dai motoveicoli – ha spiegato il sindaco mauro Proserpio – i risultati delle rilevazioni acustiche hanno sempre registrato valori entro i limiti di legge, fermo restando la forte percezione della popolazione all’interno delle case durante gli orari delle gare. Da qui la nostra decisione di richiedere all’impianto un’ulteriore opera di contenimento del rumore, attraverso la costruzione dei terrapieni.
Soddisfatta questa condizione e le restanti previste dalla legge, nulla potrà impedire il regolare svolgimento delle competizioni. Le condizioni per accettare l’ultimo condono richiesto dal Moto Club per la regolarizzazione delle strutture del Bordone c’erano tutte, e non è facoltà di un sindaco opporsi alle normative vigenti in materia. Il crossodromo e le opere annesse sono state fatte prima che sull’area fosse posto un vincolo ambientale e, in mancanza di norme retroattive, non si possono applicare le restrizioni oggi previste”.


Trascorsi i termini previsti dalla legge, i gestori del crossodromo potranno avviare i lavori di costruzione delle barriere fonoassorbenti, in mancanza delle quali il sindaco Proserpio non concederà ulteriori deroghe per le attività di gara. Dopo l’annullamento degli appuntamenti di febbraio e marzo, previo il completamento delle opere il Bordone potrà quindi ospitare la 2°prova dell’Interregionale memorial Barzaghi in programma per il 22 maggio.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco