Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.502.928
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Mercoledì 20 aprile 2011 alle 17:31

Molteno: ''Progetto'' replica alle parole di Gaiardoni del Moto Club

A fronte della dichiarazioni rilasciateci da Walter Gaiardoni lo scorso 16 aprile, in occasione della seduta di consiglio comunale svoltasi alla presenza di oltre 200 simpatizzanti del Moto Club Parini, il capogruppo di “Progetto per Molteno” Ferdinando De Capitani ha ritenuto opportuno fare alcune precisazioni in merito alla propria posizione sull’argomento crossodromo.
“Nei miei  10 anni di amministrazione non ho mai firmato alcuna deroga per le gare di motocross – ha spiegato De

Ferdinando De Capitani e Giusi Corti di Progetto per Molteno
 Capitani - nel corso dei miei due mandati ho incontrato una sola volta, dietro sua richiesta, il Sig.Gaiardoni presso il mio ufficio del Comune di Molteno alla presenza di un consigliere comunale. In quell'occasione dichiaravo al Sig. Gaiardoni che l'attività del corssodromo non rientrava negli interessi del Comune di Molteno in quanto alimentava continue proteste da parte dei residenti e che l'Amministrazione da me presieduta non avrebbe mai avviato iter amministrativi rispetto all'impianto. Mai su questo argomento abbiamo avuto incontri in Prefettura, Provincia  o altre sedi ufficiali.
Ricordo inoltre al Sig. Gaiardoni che con l'ex Sindaco di Bosisio Parini avevamo avviato un'azione tesa a sostenere da una parte le proteste dei cittadini e dall'altro una verifica dello stato di fatto dell'impianto e della sua regolarità. Verifica che aveva evidenziato dei problemi e che aveva portato di conseguenza la Prefettura a sospenderne l'attività nel 2007 e a riconfermarne la chiusura nel  maggio 2009. 
L'attività amministrativa durante i miei mandati era tesa a salvaguardare l'interesse generale dei miei concittadini e a preservare l'area boschiva dall'espansione del crossodromo”.
La critica, infine, è stata rivolta alla procedura burocratica in atto presso gli uffici comunali, che secondo “Progetto” non sarebbe compatibile con le norme tecniche del PRG di Molteno. Sempre secondo De Capitani, inoltre, l’eccessivo risalto dato alla seduta di consiglio avrebbe potuto compromettere il suo regolare funzionamento.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco