• Sei il visitatore n° 95.162.423
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
appuntamenti
<<Novembre 2014>>
LuMaMeGiVeSaDo
     12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
redazione
Via Carlo Baslini 5
Merate (Lc)

Tel. 039 990.28.81
Fax. 039 990.28.83
P. Iva 02533410136

I nostri nomi
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 24/11/14

Lecco: V.Sora: 22 µg/mc
Nibionno: 34 µg/mc
Valmadrera: 10 µg/mc
Colico: 15 µg/mc
Moggio: 72 µg/mc
Scritto Martedì 17 marzo 2009 alle 19:10

Nel 1879 nasceva la tranvia Monza-Barzanò-Oggiono soppressa nel 1917 dalla linea ferroviaria moltenese

Print Friendly and PDF Bookmark and Share


Domenica a Lecco è stata deposta una targa per commemorare la tragedia avvenuta l'11 dicembre 1943, quando un tram partito da Malavedo, deragliò paurosamente dai binari a Cavalesine di San Giovanni, rotolando rovinosamente nei prati sottostanti. L'incidente provocò la morte di 14 persone e il ferimento di 31 e fu causato dal malfunzionamento dei freni che non tennero il peso eccessivo dei viaggiatori, molto superiore al normale.

IMG_3784.jpg



Un'immagine della tranvia in partenza da Monza, fermata "ponte di Lecco"

Questo episodio, fermamente impresso nella memoria dei lecchesi, ci fornisce lo spunto per parlare di un altro anniversario, quello della fondazione della linea tranviaria Monza-Barzanò-Oggiono, di cui quest'anno ricorre il 130esimo anniversario.
Realizzata nel 1879 su richiesta dell'imprenditore Guido Del Maino, la tranvia a vapore ebbe una storia piuttosto breve, tanto è vero che nel 1917 fu chiusa su pressione degli imprenditori locali, che la consideravano una pericolosa minaccia alla linea ferroviaria moltenese.

IMG_3780.jpg

La tranvia seguiva un percorso diverso da quello della futura ferrovia, più a ovest, attraverso Arcore e Casatenovo e nella parte più a nord piuttosto accidentato. Essa, che nel 1902 fu prolungata sino ad Oggiono, era stata costruita in modo economico secondo le abitudini del tempo e forse anche per questo motivo, non era in grado di rispondere alle crescenti esigenze del trasporto merci, in continuo aumento per lo sviluppo industriale della zona.




IMG_3782.jpg



L'orario ufficiale del 22 novembre 1880


Per questo le vocazioni originarie della ferrovia Monza - Molteno erano rivolte anche al trasporto merci, proprio in alternativa alla esistente tranvia.
Alla fine della guerra però, i grossi centri attraversati dalla tranvia soppressa, in particolare Casatenovo, chiesero a gran voce il ripristino della linea e vennero a questo scopo elaborati numerosi progetti, uno dei quali ne prevedeva l'elettrificazione e il prolungamento fino a Lecco.

tramvia1.jpg


Il tram in passaggio da Barzanò

Tale progetto, approvato dalle autorità  centrali, non venne mai realizzato, non solo per l'impossibilità  di reperire i fondi necessari, ma anche grazie all'opera "dissuasiva" degli imprenditori e dei politici che avevano caldeggiato la costruzione della ferrovia Monza - Molteno e che vedevano nella tranvia riaperta e rinnovata una pericolosa concorrente.
Il tram, che seguiva il tragitto attualmente compiuto dall'autobus SAL della linea Monza-Oggiono, rappresentava un mezzo di trasporto molto utilizzato a fine Ottocento.




IMG_3787.jpg



Il percorso effettuato dal tram

La lunghezza totale dell'iniziale linea che terminava la corsa a Barzanò era di 19,4 km; la tranvia dopo aver superato il centro di Monza e oltrepassato gli abitati di Villasanta ed Arcore giungeva a Peregallo e poi a Lesmo. Da qui imboccava la provinciale per Casatenovo superando Campofiorenzo e California con un tratto in forte pendenza. A Monticello la tranvia scendeva sino alla Molinata dove incrociava la strada per Vigano e dopo aver toccato Torrevilla giungeva al capolinea di Barzanò.
Come accennavamo, nel 1902 la linea fu prolungata sino ad Oggiono, servendo anche i comuni di Barzago, Castello Brianza e Dolzago. Il nuovo tratto era lungo 12,1 Km, per una lunghezza totale da Monza a Oggiono di 31,5 km, di cui 13,5 su strade provinciali, 5,5 comunali e 12,5 km in sede propria.

IMG_3783.jpg


Il tram in piazza a Casatenovo

Oltre al servizio locale la nuova linea offriva un collegamento con Milano, garantendo la coincidenza a Monza con il servizio ferroviario e offrendo un servizio cumulativo tram-treno per passeggeri e bagagli.
Il primo orario della tranvia prevedeva quattro coppie di tram da Monza a Barzanò, oltre a un festivo e a tre corse limitate ad Arcore il giovedì e i festivi. Dal 1882 le corse salirono a sei mentre il tempo impiegato era di un'ora e venti minuti. Nel 1915 invece, cinque coppie di treni collegavano Monza con Oggiono e due Monza con Barzanò.
Gloria Crippa
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco