Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 188.502.532
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 05/11/18

Lecco: V.Sora: 43 µg/mc
Merate: 40 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc
Colico: 28 µg/mc
Moggio: 70 µg/mc
Scritto Martedì 30 agosto 2011 alle 15:35

Molteno: sbloccato l'iter per il crossodromo. La Provincia esclude l’area sportiva dal PIF

È stata deliberata dalla giunta provinciale di Lecco l’esclusione del crossodromo “Bordone” dall’area boschiva individuata dal Piano di Indirizzo Forestale.
Un atto che apre le porte alla realizzazione delle collinette fonoassorbenti necessarie per la ripresa delle gare motoristiche all’interno dell’impianto, bloccate da ormai un anno a seguito dei noti problemi di inquinamento acustico prodotti dalle due ruote nelle giornate di gara.

http://www.casateonline.it/public/pub_immagini/2010/Agosto/cross4.jpg

Lo scorso aprile al fine di ovviare a questo annoso problema, che aveva visto contrapporsi a più riprese la popolazione di Molteno e Bosisio con il motoclub Parini e le amministrazioni comunali, la giunta moltenese aveva inoltrato agli uffici provinciali una richiesta di parere per la realizzazione delle collinette a lato della pista, come richiesto dall’Agenzia Regionale Protezione Ambiente per l’adeguamento del circuito alle normative in materia di impatto acustico.
A seguito della relazione stilata dal Servizio Agricoltura provinciale, l’area del Bordone è stata identificata come “area sportiva” a partire dal 1987, data in cui il Motoclub presentò in regione la richiesta di condono edilizio per la pista abusiva costruita nel 1977. Considerati i pareri favorevoli in merito al condono espressi dalla Regione nel 1987, dal Comune di Bosisio nel 1997 e da quello di Molteno nel 2010, la Commissione provinciale ha stabilito che l’area del crossodromo “non è mai stata gestita dal punto di vista selvicolturale come “bosco”, almeno dal 1987, ma come area sportiva, come da richiesta di concessione edilizia in sanatoria e da relativo parere regionale”.



il crossodromo visto da una foto aerea
 
A seguito di tale parere, la giunta provinciale ha quindi stabilito di escludere i mappali del Bordone dal Piano di Indirizzo Forestale, che individuava proprio all’interno della pista un’area boscata classificata a “robineto”.
Rivista la perimetrazione del bosco indicato dal PIF, nei prossimi giorni i tecnici dell’ufficio tecnico di Molteno incontreranno i funzionari provinciali per fare il punto della situazione, in vista dei tanto attesi lavori di realizzazione delle collinette necessari alla ripresa delle gare.
Articoli correlati:
02.07.2011 - Molteno: sospesa la IV prova del Trofeo Barzaghi. Nessuna novità dalla Provincia
18.05.2011 - Molteno: altra sospensione per il Trofeo Barzaghi del 22. Mancano le ''collinette''
16.04.2011 - Le ragioni della mobilitazione spiegate da Walter Gaiardoni
16.04.2011 - Molteno: il sindaco fa luce sulla questione Bordone. ''Il crossodromo non chiuderà''
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco