Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 173.370.710
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/04/18

Lecco: V.Sora: 108 µg/mc
Merate: 105 µg/mc
Valmadrera: 110 µg/mc
Colico: 101 µg/mc
Moggio: 115 µg/mc
Scritto Martedì 10 gennaio 2012 alle 21:12

Costa M.: dipendenti tornano in presidio. Il 21 scade la 'cig'

Rientro "amaro" dalle festività natalizie per i 136 dipendenti della Rsi di Costa Masnaga.
Oltre a dover fare i conti con la scadenza della cassa integrazione ordinaria, in programma per il 21 gennaio, le maestranze del polo produttivo masnaghese sono state informate dei contenuti del "piano industriale" presentato a Roma nel mese di dicembre.
Secondo quanto affermato dalle sigle sindacali, nel documento la dirigenza dell'azienda prevede un "taglio" di circa il 50% della forza lavoro attualmente impiegata, portando il numero dei dipendenti da 136 a circa una settantina. Parallelamente sarebbe prevista la chiusura e l'affidamento a soggetti terzi dei reparti di progettazione, design e produzione, vale a dire quelli "storici" che negli anni hanno costruito la fortuna del polo industriale ferroviario del paese.
Aspre critiche erano piovute in sede di presentazione del piano dalle sigle sindacali lecchesi.
"Non abbiamo voluto entrare nel merito del piano in quanto non riteniamo possibile che si parli di "rilancio aziendale" in presenza di questi licenziamenti - ci ha spiegato Diego Riva, della Fiom Cgil lecchese - di rilancio non ce n'è traccia, al limite si può parlare di un "riposizionamento" dell'azienda che comunque non può avere questi numeri. Per quanto ci compete continueremo a esercitare pressioni su tutti i livelli istituzionali, siamo convinti che Rsi abbia grandi potenzialità e lavoratori ad altissimo livello di professionalità, capaci di svolgere con competenza tutti i ruoli dalla progettazione alla produzione".
Nel frattempo a partire dalla giornata di ieri, lunedì 9 gennaio, i dipendenti sono ritornati in presidio davanti ai cancelli della fabbrica in attesa della convocazione di un nuovo tavolo di confronto ministeriale.
Nei prossimi giorni le sigle sindacali tratteranno per la sottoscrizione di un nuovo ammortizzatore sociale, in vista della scadenza della cassa ordinaria fissata per il 21 gennaio.
R.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco