Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 173.415.384
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/04/18

Lecco: V.Sora: 108 µg/mc
Merate: 105 µg/mc
Valmadrera: 110 µg/mc
Colico: 101 µg/mc
Moggio: 115 µg/mc
Scritto Martedì 17 gennaio 2012 alle 17:57

Settore costruzioni in difficoltà. Nel 2011, 1milione di ore di cassaintegrazione

Un periodo decisamente difficile per il settore delle costruzioni. Lo si evince dai dati forniti dall'osservatorio provinciale del mercato del lavoro, elaborati da Provincia e Camera di commercio di Lecco.
Nel biennio 2009-10 i lavori di ingegneria edile e di costruzione specializzati hanno subito una flessione rispettivamente di -8,2% e -0,8% rispetto al passato.


La crisi ha avuto effetti negativi piuttosto significativi dal punto di vista degli addetti. Si è passati da un totale di 11.839 lavoratori del dicembre 2007 ad 11.446 del dicembre 2010, con una flessione pari a -3,3%.
Il calo maggiore nel triennio ha caratterizzato due settori: quello della costruzione di edifici (-3,4%) e la demolizione e preparazione dei cantieri (-15,7%).


Per quanto riguarda invece i lavoratori dipendenti, da 6822 del 2007 si è passati a 6215, ovvero il calo è stato pari all'8,9%. Anche in questo caso i ''rami'' del settore che hanno sentito maggiormente la crisi sono stati il completamento e la finitura di edifici e la demolizione e preparazione dei cantieri, con rispettivamente -22,8% e -35,8%.


Veniamo ora alla cassaintegrazione. 1.000.000 circa le ore autorizzate nel 2011, a fronte delle 100mila del 2007.
La parte più consistente è quella relativa alle ore di cassaintegrazione straordinaria (circa 550mila); seguono le circa 250mila ore di cig ordinaria e infine la ''cassa'' in deroga, con poco più di 100mila ore autorizzate.


Facciamo ora un distinguo sulla base dei dati forniti dall'Inps. Nel 2011 il 95,6% di chi ha usufruito della cassaintegrazione ordinaria era di professione operaio. Stesso discorso per la cig straordinaria e in deroga, ma con numeri più bassi (78,1%), (80,2%).


Ultimo dato relativo agli avviamenti lavorativi registrati dai centri per l'impiego. Se nel 2009 erano stati 1814 a fronte di 1932 cessazioni, con un saldo negativo di -118, nel 2010 il dato si è fatto ancora più allarmante.


Se 1757 persone hanno iniziato un'attività lavorativa, 2073 l'hanno cessata (-316). I dati relativi al 2011 sono relativi per ora soltanto al primo semestre e hanno registrato un saldo negativo pari a -39.
Il 49% degli avviamenti del 2011 riguarda un lavoro a tempo determinato, 31% per l'indeterminato. Seguono l'apprendistato (8%), il contratto a progetto (6%) e di somministrazione (4%).

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco