Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 202.452.418
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 03/06/19

Lecco: V.Sora: 181 µg/mc
Merate: nd µg/mc
Valmadrera: 183 µg/mc
Colico: nd µg/mc
Moggio: nd µg/mc
Scritto Lunedì 13 ottobre 2014 alle 08:28

Cassago B.: il reduce Aniceto Branchini alla cerimonia dell'Unirr, "toccante" e condivisa

E' stata una cerimonia molto partecipata quella che ha avuto luogo, domenica mattina, presso la sala consiliare del Comune di Cassago Brianza.

Alcune autorità intervenute alla manifestazione

Qui la sezione dell''U.n.i.r.r. di Lecco, l'Unione Nazionale Italiana Reduci di Russia, ha voluto decorare con una medaglia d'oro il labaro dedicato ai famigliari dei caduti e dispersi nella tragica Campagna di Russia. Un toccante momento commemorativo, che non ha voluto significare solo la permanenza nel ricordo a settant'anni dal tragico evento bellico. La finalità del significativo gesto è stata soprattutto quella di voler onorare tutti i famigliari che, con grande dignità e forza, hanno mantenuto vivo il ricordo degli amati soldati, che sono morti in guerra o non hanno fatto più ritorno a casa.

Sopra, l'apposizione della medaglia d'oro sul labaro dei famigliari Unirr

Ad apporre il riconoscimento sullo stendardo della sezione lecchese U.n.i.r.r. è stato Aniceto Branchini, l'unico sopravvissuto all'età di 92 anni tra i reduci cassaghesi.
Ad accompagnarlo, con tanta emozione e commozione, la presidente del gruppo Ernica Zappa, insignita nel 2012 dell'illustre riconoscimento di Cavaliere al Merito della Repubblica Italiana. Non è riuscita a trattenere le lacrime avvicinandosi al labaro e, prima ancora, nell'udire l'Inno d'Italia durante il quale tutti si sono alzati in piedi in segno di grande orgoglio e rispetto. Diversi sono stati anche i momenti di silenzio accompagnati dal suono della tromba.

In prima fila, da destra: il presidente nazionale Unirr il Cav. Luisa Fusar Poli, Enrica Zappa della sezione lecchese Unirr, 
il reduce Aniceto Branchini, il sindaco cassaghese Rosaura Fumagalli e l'on. Gian Mario Fragomeli

Nel corso della cerimonia l'U.n.i.r.r. di Lecco, che ha sede proprio a Cassago, ha voluto consegnare una medaglia d'argento anche a Ruggero Talamoni, nipote del reduce cassaghese Ennea Talamoni.
"Ringrazio Enrica Zappa e i suoi associati per la determinazione e l'impegno messi ogni giorno per ricordare le indicibili sofferenze di chi ha combattuto al fronte e delle famiglie per la mancanza di notizie. A nome dell'amministrazione comunale - ha così esordito il sindaco di Cassago, Rosaura Fumagalli - invito l'U.n.i.r.r. a continuare nel lavoro di promozione di iniziative volte ad onorare e valorizzare l'eroismo e il sacrificio dei combattenti. E' soprattutto ai giovani che abbiamo il dovere di trasmettere i grandi valori di onore, pace e libertà".

Il Cav. Enrica Zappa con il reduce cassaghese Aniceto Branchini

Alla mattinata hanno preso parte numerose autorità civili, tra cui i sindaci di alcuni comuni limitrofi. Ha voluto essere presente anche l'onorevole Gian Mario Fragomeli, già sindaco cassaghese, il quale ha sottolineato l'importanza della memoria non solo attraverso ricorrenze prefissate ma secondo "momenti voluti e fortemente condivisi".
E' intervenuta anche la presidente nazionale U.n.i.r.r., Luisa Fusar Poli, la quale ha espresso un personale ringraziamento al Cav. Enrica Zappa, "una grande presidente oltre che un'amica" ha detto.

"La storia è una realtà ed è fatta anche da chi non è tornato, questo non possiamo nascondercelo. Siamo qui per onorare e ricordare questi eroi senza croce nè medaglia" ha poi aggiunto.
"Possa questo giorno - ha infine affermato Enrica Zappa della sezione U.n.i.r.r. di Lecco, in chiusura degli interventi - essere testimonianza per tutti. Grazie a tutti voi presenti per essere continuamente vicini a noi famigliari che non possiamo, non dobbiamo e non vogliamo dimenticare".

Da sinistra, la prima cittadina di Cassago Rosaura Fumagalli e il suo predecessore, Gian Mario Fragomeli

Da destra, Enrica Zappa e la presidente nazionale dell'Unirr

 

Alla manifestazione, iniziata con un breve corteo dalla chiesa parrocchiale fino al Municipio, passando per il Rus Cassiciacum, hanno preso parte anche i rappresentanti di numerose associazioni locali con i loro gagliardetti: gli Alpini, il gruppo Aido, l'Avis, l'Associazione Pensionati Cassaghesi e la "Sant'Agostino". Erano presenti anche diverse autorità militari.

Sopra, la consegna della medaglia d'argento a Ruggero Talamoni

I giovani di "Frecciarossa" si sono invece occupati di allestire il rinfresco conclusivo, che si è svolto nell'atrio del centro civico tra i pannelli della mostra realizzata dalla sezione lecchese U.n.i.r.r. realtiva alla Campagna di Russia.
Simona Alagia
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco