Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 163.771.919
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/11/17

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 58 µg/mc
Valmadrera: 66 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 86 µg/mc
Scritto Domenica 10 maggio 2015 alle 19:35

Cassago: 250 partecipanti alla lezione di disostruzione pediatrica con la CRI

Ha avuto un grande successo, in termini di iscritti, la maxi lezione di disostruzione pediatrica a Cassago, tenuta nella mattinata di sabato 9 maggio dai volontari della Croce Rossa - Comitato di Casatenovo.
Ben 250 persone sono intervenute nella palestra della scuola primaria intitolata a Sandro Pertini, messa a disposizione dal Comune.

I volontari della Croce Rossa di Casatenovo presenti alla maxi-lezione di sabato

A dare il benvenuto ai partecipanti a nome dell'intero sodalizio, è stato Domenico Spagnolo, istruttore di disostruzione pediatrica. "La vostra partecipazione è segno che sentite l'importanza di imparare a fare qualcosa nei momenti critici".
Ringraziamenti sono stati rivolti allo staff dei volontari impegnati per tutta la mattinata, al comune ospitante e ai numerosi sponsor.


Rivolgendo anche un augurio a tutte le mamme e alle donne in dolce attesa intervenute, Spagnolo ha spiegato il senso della partecipazione ad una lezione di disostruzione pediatrica.
"Tutti noi desideriamo proteggere i nostri cari nei momenti critici e per questa ragione la Croce Rossa vuole far sì che sempre più persone siano capaci di intervenire prima dei soccorsi. Ricordatevi che noi saremo sempre i secondi ad arrivare, i primi sul posto sarete sempre voi" ha aggiunto.

Le statistiche rivelano che in Italia 50 bambini muoiono ogni anno per soffocamento. Causa di tali decessi, l'ingerimento di corpi estranei come caramelle, frutta secca, giocattoli, viti o bulloni, uva, olive, pomodorini pachino. Nel complesso la principale causa è data dal cibo (67%) seguito dai giochi (20%) e da altro (13%).
Ma, non ci sono solo brutte notizie. Sono tanti gli esempi di genitori, nonni o babysitter che hanno salvato delle vite proprio perché sapevano cosa fare nelle situazioni di emergenza.

Dopo aver presentato altri concetti fondamentali, l'istruttore ha lasciato spazio ad altri volontari che hanno illustrato alcune pratiche da mettere in campo in caso di soffocamento sia di lattanti fino ai 10 Kg e a 75 centimetri che di bambini di età superiore ad un anno.
La mattinata si è conclusa con la consegna degli attestati a tutti i partecipanti che, oltre al ricordo di una bella esperienza formativa, hanno sicuramente portato a casa la parola d'ordine per cui "la supervisione attiva è la chiave della prevenzione".

S.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco