Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 163.772.159
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 30/11/17

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 58 µg/mc
Valmadrera: 66 µg/mc
Colico: 65 µg/mc
Moggio: 86 µg/mc
Scritto Sabato 02 luglio 2016 alle 12:24

Casatenovo: i volontari CRI in assistenza a ''The floating piers''

La sicurezza sulla passerella di Christo sull'Iseo è stata garantita grazie al contributo degli Operatori Polivalenti di Salvataggio in Acqua della Croce Rossa Italiana appartenenti al Comitato della Provincia di Lecco. Una decina di volontari della CRI - tra cui Lorna Panzeri, Fabio Bonsanto e Domenico Spagnolo del comitato di Casatenovo - si sono dati il cambio per tutto il periodo della manifestazione, giorno e notte con una media giornaliera di 20 interventi sanitari oltre alla normale attività di assistenza.


L'attività si è strutturata con servizi di otto ore per equipaggio con due idroambulanze posizionate in punti strategici in contatto con una centrale mobile del 118. L'Idroambulanza degli OPSA di Lecco in affiancamento a quelle di Bergamo e Brescia, erano l'unico mezzo di trasporto per evacuare le persone in caso di problemi di ordine sanitario.


"Si è trattato di un'esperienza
- spiega Alberto Guglielmo Responsabile della Squadra OPSA di Lecco - molto ricca da un punto di vista tecnico, se non ci fossero stati i gommoni sarebbe stato un grosso problema gestire la mole di persone sulla passerella con problemi di salute. Gran parte degli interventi erano dovuti a malori determinati dal caldo e soprattutto dal movimento della passerella. Va detto che molte persone hanno affrontato questa esperienza senza la dovuta attenzione perché abbiamo soccorso anche soggetti che avevano patologie pregresse con la quale sarebbe stata sconsigliata la visita alla passerella".


Le Idroambulanze sono state molto importanti anche per le gestione della sicurezza e hanno dovuto effettuare interventi anche per attività esterne alla passerella data l'alta affluenza turistica del periodo sull'Iseo. Oltre a Guglielmo il servizio è stato effettuato dagli Operatori di Salvataggio in Acqua lecchesi Roberto Piva, Sonia Bragaglia, Mauro Bonfanti, Daniele Pizzamiglio, Marco Angeloni, Franco De Poi, Monica Cameroni, Luca Negri, Lorna Panzeri, Fabio Bonsanto e Francesca Sozzi.


"E' stato fatto un ottimo lavoro -
afferma il Responsabile della Squadra - da parte di tutti gli OPSA lecchesi che si sono distinti. L'intera attività sanitaria ( in acqua e a terra) è stata coordinata grazie alla preparazione e competenza del dottor Claudio Mare Direttore Sanitario dell'Evento sull'Iseo e attuale Direttore della AAT di Lecco".
Ora gli OPSA lecchesi hanno terminato il servizio e si apprestano a dare il via all'attività di pattugliamento del lago all'interno dell'Operazione Lario Sicuro.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco