Questo sito usa cookie per offrire una migliore esperienza. Procedendo con la navigazione, acconsenti ad usare i nostri cookie. Maggiori informazioni | Chiudi
  • Sei il visitatore n° 143.132.619
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 16/02/17

Lecco: V.Sora: 59 µg/mc
Merate: 27 µg/mc
Valmadrera: 47 µg/mc
Colico: 58 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Mercoledì 31 agosto 2016 alle 16:01

Confindustria e sindacati: fondo di Solidarietà per le popolazioni terremotate

Confindustria, Cgil, Cisl e Uil, di fronte alla drammaticità del sisma che ha colpito le popolazioni del Centro Italia, e come già avvenuto in analoghe situazioni,  hanno deciso congiuntamente di sostenere un impegno concreto di solidarietà per i territori così duramente colpiti. Ieri è stato sottoscritto a livello nazionale l’accordo per attivare un "Fondo di intervento a favore delle popolazioni del Centro Italia" nel quale confluiranno contributi volontari da parte dei lavoratori di tutto il territorio nazionale, pari a un'ora di lavoro e un contributo equivalente, per ogni lavoratore, da parte delle imprese.
Si tratta di un primo accordo per le imprese associate a Confindustria, al quale faranno seguito accordi con altre associazioni datoriali.
I contributi verranno raccolti sul c/c con codice IBAN: IT94V0103003201000002589031 presso Monte dei Paschi di Siena, intestato a Confindustria e Cgil Cisl Uil Fondo di solidarietà per le popolazioni del Centro Italia
 “Nell’esprimere il più profondo cordoglio alle famiglie colpite dal terremoto, invitiamo tutte le lavoratrici e lavoratori del lecchese ad aderire a questa iniziativa di solidarietà” hanno dichiarato i segretari generali di Cgil Cisl Uil, Wolfango Pirelli, Rita Pavan e Salvatore Monteduro.
Il sindacato, inoltre, ai vari  livelli, si è messo a disposizione della protezione civile con le proprie sedi e persone per ogni eventuale necessità che la protezione  civile stessa ritenga necessaria, in una logica di azioni coordinate.
“Da parte nostra - concludono i tre segretari generali - riteniamo importante che i fondi raccolti siano impegnati al più presto in azioni concrete, coordinate con le istituzioni preposte, e ci impegniamo a far conoscere al territorio l’esito della raccolta e il suo futuro utilizzo”.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco