Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 196.819.414
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 07/03/19

Lecco: V.Sora: 63 µg/mc
Merate: 75 µg/mc
Valmadrera: 79 µg/mc
Colico: 47 µg/mc
Moggio: 97 µg/mc
Scritto Martedì 25 ottobre 2016 alle 00:13

Missaglia: il CAI premia i piccoli iscritti ai corsi di escursionismo

Doppio appuntamento nella domenica missagliese: prima alle scuole elementari, l'iniziativa sulla sicurezza stradale, poi nel vicino Palazzo Teodolinda, la chiusura della stagione del CAI di Missaglia, o meglio dei gruppi giovanili di Escursionismo e Alpinismo Giovanile.


Come ci ha spiegato il presidente Pietro Tresoldi infatti, all'interno del sodalizio nato nel 2011, esiste una sezione giovanile che tiene insieme i ragazzi dagli 8 agli 11 anni - per quanto riguarda il gruppo Escursionismo- e dagli 11 ai 17 anni per l'Alpinismo.
"Le uscite sono circa sei nel corso dell'anno e presentano un grado diverso di difficoltà a seconda dell'età dei partecipanti. Con i ragazzi quest'anno abbiamo fatto delle gite veramente belle: siamo stati alla miniera Quattro Ossi sul Lago di Iseo e nel Parco del Curone in una giornata con Croce Rossa e Radio Amatori. La più bella, però, è stata sicuramente l'attendamento di tre giorni all'Adamello" ci ha detto il presidente, aggiungendo anche qualche dettaglio sui numeri dell'associazione.


"Qui a Missaglia ci sono circa 250 soci. Tra questi un bel gruppo, più di cinquanta, rientra nella categoria Escursionismo o Alpinismo Giovanile. La maggior parte di loro proviene dal paese e da quelli del circondario anche se c'è chi viene più da lontano".

A tutti questi ragazzi i membri del CAI vogliono "trasmettere la passione di andare sui monti, conoscendo l'ambiente circostante, acquisendo la capacità di orientarsi e progressivamente rendersi autonomi anche in ambienti un po' ostici come quelli montuosi".


Dopo il breve colloquio con il presidente hanno cominciato a arrivare i ragazzi che hanno occupato tutti i posti a sedere disponibili. Ognuno di loro ha portato con sè un regalo speciale: un biglietto con il pensiero dedicato agli organizzatori e al CAI da appendere sulla lavagnetta preparata per l'occasione.
Concluso il discorso di Tresoldi, spazio al rinfresco che le volontarie dell'organizzazione avevano preparato per grandi e piccini
A.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco