Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie. Accetta
  • Sei il visitatore n° 175.935.953
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 12/05/18

Lecco: V.Sora: 110 µg/mc
Merate: 110 µg/mc
Valmadrera: 102 µg/mc
Colico: 86 µg/mc
Moggio: 116 µg/mc
Scritto Domenica 06 novembre 2016 alle 11:35

Crisi, si è ''ristretta'' la stalla lombarda: -100mila fra mucche e maiali in 6 anni

Dal 2010 a oggi le stalle lombarde si sono "ristrette" perdendo oltre centomila tra mucche e maiali, con i cali più consistenti sulla "brebemi zootecnica" fra Milano, Bergamo e Brescia. È quanto afferma la Coldiretti di Milano, Lodi, Monza Brianza in occasione della 66° Giornata del Ringraziamento, celebrata a Milano con la partecipazione di centinaia di agricoltori al fianco dell'Arcivescovo Angelo Scola. Per l'occasione in piazza Castello è stato allestito il mercato di Campagna Amica, mentre in piazza Duomo sono stati distribuiti ai turisti oltre mille sacchetti di riso da 250 grammi, a simboleggiare l'agricoltura del territorio.

  "Da tempo - spiega Alessandro Rota, Presidente della Coldiretti di Milano, Lodi,  Monza Brianza - la nostra agricoltura sta attraversando un momento difficile, complici i costi di produzione, la concorrenza estera dei falsi Made in Italy e la crisi dei consumi. Nonostante ciò, questo settore continua a produrre cibo sano e di qualità e dà lavoro a decine di migliaia di persone. Ecco perché è importante tutelarlo anche attraverso politiche che permettano di rendere il lavoro nei campi e nelle stalle sempre più efficiente e sostenibile, garantendo alle imprese il giusto reddito. Senza dimenticare il ruolo a tutela del territorio e della biodiversità che svolge il mondo agricolo".   Sul fronte dell'allevamento sono 14 le razze animali tutelate perché a rischio estinzione: tra le mucche ci sono la Varzese Ottonese, unica razza bovina autoctona e oggi presente nelle province di Milano, Lodi e Pavia; la Cabannina, dalla caratteristica riga color crema sul dorso, la Bianca di Val Padana il cui latte è utilizzato per produrre il Parmigiano Reggiano, la Rendena razza longeva per eccellenza, la Bruna Linea Carne e la Grigio Alpina che può arrivare a pesare fino 650 chili. A queste si aggiungono la capra Verzaschese dal caratteristico mantello nero, che oggi si trova solo tra le province di Como e Varese, le pecore di Corteno, Ciuta e Brianzola, la capra Orobica e quella Frontalasca, la Bionda dell'Adamello e la capra di Livo diffusa in provincia di Como.   Nelle campagne lombarde - spiega la Coldiretti interprovinciale - sono molte anche le specie vegetali salvate dall'estinzione grazie al lavoro degli agricoltori. Si va dal mais blu utile all'apparato circolatorio recuperato a Cornate d'Adda (Mb) a quello nero ricco di antiossidanti coltivato in provincia di Cremona, dove si produce anche l'antica varietà del grano monococco, che contiene poco glutine ed è quindi adatto a chi soffre di intolleranze alimentari. Oppure ci sono il mais spinato di Gandino (Bg) o la patata viola di Sondrio, senza dimenticare l'antica mela campanina salvata nel Mantovano.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco