Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 223.682.072
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 14/03/2020

Lecco: V.Sora: 66 µg/mc
Merate: 65 µg/mc
Valmadrera: 68 µg/mc
Colico: 63 µg/mc
Moggio: 85 µg/mc
Scritto Martedì 23 gennaio 2018 alle 14:40

Un lettore segnala i blocchi in pietra usati come segnaletica. Perchè non valorizzarli?

Riceviamo e volentieri pubblichiamo questa curiosa segnalazione relativa ai tanti manufatti in pietra collocati tra Casatenovo, Missaglia, Lomagna e Besana, un tempo utilizzati come indicatori stradali.


Quando ancora non esisteva la moderna - e non sempre esteticamente all'altezza - cartellonistica, questi blocchi di pietra posizionati in corrispondenza di strade o incroci venivano incisi con il nome dei paesi vicini e dei chilometri necessari per raggiungerli, fungendo da vera e propria ''bussola'' per chi si trovava a percorrere - a piedi o a bordo di qualche mezzo - le strade del nostro territorio. Poi con il passare del tempo sono stati soppiantati da frecce e cartelli visibili di giorno come di notte; eppure sono rimasti lì, resistendo ad ogni condizione atmosferica, seppur nell'indifferenza generale.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Girando per la Brianza noto vecchi manufatti con indicazioni stradali e di località, che sono abbandonati al loro destino, non si potrebbe lanciare un appello per salvaguardare queste tracce di un tempo non molto lontano?
Saluti,

Vincenzo Campanella

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco