Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.098.837
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Venerdì 03 agosto 2018 alle 17:17

Casatenovo, Vismara: vertice al MISE per valutare le prospettive del gruppo in crisi




Come da previsioni l'incontro svoltosi quest'oggi presso la sede del MISE (Ministero per lo Sviluppo Economico) di Roma con oggetto il futuro delle aziende del gruppo Ferrrini - tra cui la Vismara di Casatenovo - è stato di carattere prettamente interlocutorio. Con gli accordi per gli ammortizzatori sociali e per il pagamento di alcune tranche di arretrati ai dipendenti già definiti nei giorni scorsi durante l'incontro in Regione Lombardia, quest'oggi si è affrontata la complessa vicenda dal punto di vista politico, tentando di capire quali possano essere le prospettive future delle società del gruppo tra cui quella casatese, che allo stato attuale occupa 230 lavoratori complessivamente. Alla presenza dei referenti del Ministero - tra i quali lo staff del vice premier Luigi Di Maio e la vice presidente della Camera Maria Edera Spadoni - di Regione, di Confindustria, oltre che delle sigle sindacali lecchesi, emiliane e nazionali, dei parlamentari del territorio (tra cui Gian Mario Fragomeli e Roberto Ferrari) e dei due commissari nominati dal tribunale per seguire la procedura di concordato preventivo chiesta dalle due società del gruppo, è stata affrontata la questione partendo dalle cause che hanno provocato la crisi aziendale, illustrate da Lisa Ferrarini, amministratore unico dell'impresa alimentare, per poi valutare la presenza di eventuali soggetti che possano entrare a far parte della compagine societaria.
''E' stato fissato un nuovo incontro al MISE che si terrà il prossimo 26 settembre'' ci ha spiegato il segretario di Flai Cgil Lecco, Massimo Sala. ''In quell'occasione faremo nuovamente il punto della situazione a qualche settimana dalla gestione commissariale dell'impresa, rispetto soprattutto alla produttività e agli aspetti finanziari. A questo proposito lunedì incontreremo nuovamente in azienda a Casatenovo il commissario''.



Un'immagine dell'incontro al Mise di quest'oggi

Se l'accordo per la cassa integrazione straordinaria per tutti i 230 dipendenti della Vismara era già stato raggiunto durante l'incontro in Regione Lombardia, stamani è stato confermato che sarebbero partiti i bonifici per i primi acconti sugli arretrati attesi dai lavoratori, privi delle mensilità di maggio e giugno, sino ad oggi non corrisposte.

Di seguito il comunicato diffuso dalle sigle sindacali nazionali:
Oggi 3 Agosto presso il Ministero dello sviluppo economico, si è svolto l’incontro per affrontare la profonda crisi in cui versa il gruppo Ferrarini/Vismara. Erano presenti le istituzioni regionali e locali, oltre alla presenza di alcuni parlamentari e le segreterie nazionali, regionali e territoriali di FAI, FLAI e UILA. Dopo una breve illustrazione sulla storia del gruppo da parte della Dottoressa Lisa Ferrarini, si sono affrontate le cause del dissesto finanziario, dovuto in particolare modo alla liquidazione del sistema delle banche. L’azienda ha, inoltre, dichiarato di essere alla ricerca di nuovi soggetti finanziari e/o industriali che possano entrare nella compagine societaria. Particolare attenzione da parte delle segreterie nazionali di FAI, FLAI e UILA è stata dedicata ai temi di natura occupazionale e di tutela, anche retributiva, delle lavoratrici e dei lavoratori durante il periodo di curatela, oltre a sollecitare le due procedure commissariali e la proprietà a garantire la continuità produttiva. Si è, inoltre, richiesto di definire in tempi stretti il piano concordatario, al fine di tutelare la presenza dei prodotti Ferrarini e Vismara sul mercato. Nel sottolineare il ricorso al concordato con riserva per bloccare l’aggressione creditoria, i commissari hanno annunciato l’approvazione del tribunale degli ammortizzatori sociali decisi nei territori. Il ministero ha ribadito il proprio impegno a mantenere monitorata la situazione, attraverso continui aggiornamenti con azienda, commissari e istituzioni locali, a tal proposito il tavolo presso il Ministero dello sviluppo economico è riconvocato il 26 settembre p.v. Le organizzazioni sindacali richiedono di incontrare il Gruppo Ferrarini prima dell’incontro al Mise perché il tavolo sindacale deve essere messo a conoscenza di quale scelte industriali e occupazionali l’azienda sta facendo. La giornata di oggi non ha fornito risposte soddisfacenti per i lavoratori riguardo il loro futuro e dell’azienda, pertanto a seguito delle assemblee che si svolgeranno nei prossimi giorni, i lavoratori esprimeranno le loro decisioni.

Fai -  CISL
Cornelli - Anselmi

Flai - CGIL
Bermani - Gentile

Uila – UIL 
Majrone - Rovatti

Articoli correlati:
31.07.2018 - Casatenovo, Vismara: accordo per la 'cassa straordinaria' per un anno per tutti i 230 dipendenti dopo il vertice in Regione
30.07.2018 - Casatenovo, Vismara: attesa per l'incontro di martedì in Regione. E il 3 vertice al Mise
27.07.2018 - Casatenovo, Vismara: il tribunale di Reggio Emilia nomina un commissario. Si spera nel pagamento degli stipendi arretrati
27.07.2018 - Casatenovo: il sindaco apre il consiglio con un intervento su Vismara e la sua crisi. ''Massimo supporto a tutti i lavoratori''
26.07.2018 - Casatenovo: la ''Vismara'' prenota l'istanza di concordato in continuità. Stipendi arretrati. A rischio 200 posti di lavoro
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco