Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.803.051
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 29/06/19

Lecco: V.Sora: 169 µg/mc
Merate: 172 µg/mc
Valmadrera: 172 µg/mc
Colico: 135 µg/mc
Moggio: 191 µg/mc
Scritto Martedì 20 novembre 2018 alle 08:56

PD: la sezione di Merate vota la candidata di Lecco non quella del territorio. Incapaci di leggere i fatti

Pare sia stato tra i primi segretari di sezione, se non il primo, a congratularsi con Marinella Maldini per la vittoria, sia pure di misura, su Agnese Massaro nella corsa alla carica di segretario provinciale del PD. Peccato però che sia lui, Gino Del Boca, sia gran parte dei 26 iscritti al partito che hanno votato per la segreteria provinciale, abbiano preferito l'Avvocata lecchese alla "nonna" di Casatenovo. Ancora una volta il giovane segretario cittadino dei Dem ha cavalcato l'onda istituzionale, ritenendola vincente, anziché sostenere la candidata del territorio meratese-casatese, la Maldini giustappunto. Un altro errore di valutazione. Un'altra scelta sbagliata che conferma come una buona dialettica e una discreta cultura non siano elementi sufficienti per fare davvero politica. Eppure Del Boca un esempio l'aveva già sotto gli occhi, quello delle recenti elezioni regionali dove Raffaele Straniero, consigliere uscente dotato sicuramente di mezzi più robusti della concorrente, ha rischiato di perdere con Marta Comi di Casatenovo, sospinta in una corsa all'ultimo voto dal suo territorio, la Brianza orientale. Straniero ha vinto, ma soltanto sul filo di lana, e grazie esclusivamente ai voti delle ultime due o tre sezioni lecchesi. Manca veramente la "lettura" politica degli avvenimenti, per dirla con chi di politica davvero si intende.

Quanto ai risultati diciamo che l'affluenza non è stata granché: 186 voti nei 13 comuni del meratese che il 4 marzo 2018 hanno attribuito al PD 10.273 voti con una flessione del 17% sul 2013.

Anche il casatese, per la verità, non si è mostrato particolarmente vicino al candidato di casa. La Maldini, infatti si è aggiudicata la vittoria media nei 6 comuni del bacino grazie al 16 a 0 di Barzago mentre ha perso a Casatenovo/Monticello e a Missaglia. Alla fine la partita ha visto 68 a 61 con uno scarto percentuale di poco più di 5 punti. 129 voti su 4.734 preferenze ottenute dal PD lo scorso 4 marzo.

Si può senz'altro dire che l'affluenza è risultata davvero modesta.

Quanto agli eletti nell'assemblea è curiosa la terna che appare nella casella del meratese: Stefano Motta, Adele Gatti e Paolo Brivio. Tre sindaci ben noti, soprattutto per l'azione svolta all'interno dell'assemblea di Retesalute. Naturalmente il PD non c'entrava.......!

C.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco