Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.999.015
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Mercoledì 19 dicembre 2018 alle 07:47

Costa: messa dello sportivo per tutte le società e l'AVIS dona un defibrillatore

La messa dello sportivo. Come ogni anno, Costa Masnaga ha scelto di rendere omaggio a tutti gli atleti, organizzando una funzione religiosa come occasione di riflessione prima delle festività natalizie.

Da sinistra Eros Redaelli, l'assessore e vicesindaco Cristian Pozzi e Giovanni Corbetta

Un momento semplice, ma sempre sentito dalle società che accorrono con i propri ragazzi in divisa o con i propri rappresentanti, nel caso delle società composte da soli adulti.
Nella palestra di via Verdi, nella serata di martedì 18 dicembre, è stato posizionato l'altare al centro del campo sportivo, mentre i bambini si sono radunati tutt'intorno per assistere alla messa celebrata da don Adriano Colombini.

Dopo la lettura che narra l'annunciazione della nascita di Giovanni Battista da parte dell'arcangelo Gabriele che informa Zaccaria mentre si trova al tempio a offrire l'incenso, don Adriano ha detto: "Zaccaria non ha voluto credere, non ha dato credito a quelle parole ed è rimasto muto per nove mesi. Se dovessimo rimanere muti per non credere a Dio, nel mondo si creerebbe un grande silenzio". Il sacerdote ha poi letto una breve storia ai ragazzi, ricavandone un messaggio: "Se siamo generosi con Gesù, e dunque tra di noi, lui ci restituisce cento volte tanto ma è una cosa che sa fare solo lui. Faccio quindi a tutti gli auguri di essere, nel limite del possibile, sempre generosi".

Durante l'offertorio i rappresentanti delle associazioni hanno portato i doni all'altare e al termine della messa don Adriano ha esortato i ragazzi a continuare a fare sport perché porta beneficio a qualsiasi età.
Alla celebrazione hanno presenziato i ragazzi del CSC Costamasnaga, dell'Unione ciclistica (UC) e del Basket costa oltre alla società pescatori, Ads Stars soft air, il gruppo Cacciatori, i rappresentanti del Quagliodromo e i volontari dell'Avis. Proprio questi ultimo hanno portato all'altare un defibrillatore che, come ha in seguito spiegato l'assessore allo sport Cristian Pozzi, è stato donato a Costa dall'associazione dei donatori di sangue.

Il parroco don Adriano Colombini

"Sei anni fa, grazie al progetto Miday, erano stati acquistata cinque defibrillatori che sono stati donati alla comunità e distribuiti nei punti sensibili del paese. Anche il basket poi ne aveva donato a sua volta uno, mentre Avis da subito aveva sposato il progetto, scegliendo di provvedere alla manutenzione e all'assicurazione di questi strumenti. Quest'anno ha fatto un passo ulteriore, decidendo di donarne uno al paese: lo metteremo al Costa Forum, che è la sede di tutte le associazioni". Il vicesindaco ha poi rivolto un pensiero alle società sportive. "Ringrazio tutte le società e gli atleti che dimostrano come, con uno sport pulito, si possano ottenere non solo risultati di vittoria ma anche nella crescita dei ragazzi. Qualche giorni fa, il CONI ha premiato a Lecco i migliori sportivi e le migliori società: in questo anno con lo sport giovanile abbiamo vinto numerosi premi. Dobbiamo dire grazie di questo dono agli allenatori e ai genitori che vi supportano".

Il vicesindaco Cristian Pozzi


Al termine, tutti si sono ritrovati presso la baita degli alpini per lo scambio degli auguri.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco