Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 269.550.589
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 08 marzo 2019 alle 08:25

Bosisio Viva punta su Giacomo Gilardi, candidato sindaco alle elezioni di maggio

Giacomo Gilardi tornerà in campo come candidato sindaco in vista delle elezioni amministrative. L'annuncio è stato dato nella serata di giovedì 7 marzo, la prima che Bosisio Viva, attuale gruppo di minoranza consiliare, ha organizzato in vista della scadenza elettorale. I tre attuali consiglieri hanno incontrato i cittadini nell'aula civica anticipando, per primi rispetto agli avversari, la presentazione del candidato su cui puntano.

Giacomo Gilardi fra Andrea Appiani e Marta Brambilla

"Bosisio viva si era presentata cinque anni fa con un gruppo rinnovato, ma ha sempre potuto contare su persone che avevano già amministrato maturando competenze sulla vita pubblica" ha esordito la consigliera Marta Brambilla, intervenuta insieme ai colleghi Giacomo Gilardi e Andrea Appiani, tutti presenti in vista della prossima scadenza. Il gruppo però è ancora in fase di formazione e, come ha dichiarato il capogruppo, si cercano nuovi volti che abbiano voglia di impegnarsi per il paese. "In questi cinque anni, in consiglio, abbiamo cercato di portare le istanze dei cittadini tramite mozioni, interpellanze e abbiamo cercato di informare la cittadinanza attraverso giornalini e organizzando assemblee. Nel 2017 abbiamo creato un'assemblea che è scaturita in un referendum sui temi di villa Mira e Palazzo Appiani. Vogliamo ancora continuare a coinvolgere la cittadinanza per prendere le decisioni che siano il più possibile condivise".

Andrea Appiani ha invece voluto raccontare i suoi primi anni di vita amministrativa, dopo essere subentrato al consigliere Corrado Terranova. "La mia è stata un'esperienza non facile a causa di una persona che ha fatto sì che i consigli non fossero quello che avrei voluto: erano momenti chiusi. Le persone, quando c'erano, erano presenti per occasioni particolari come le borse di studio. L'approccio con la minoranza è stato sempre relativo e si è sempre cercato di marcare la differenza in maniera non piacevole e tratti personale" ha affermato. "Scelgo di ricandidarmi perché si deve costruire qualcosa di differente e per il fatto che dietro la nostra squadra c'è un gruppo forte".

È seguito l'intervento di Gilardi che, dopo la presentazione, ha spiegato i motivi per i quali ha accettato di ricandidarsi. Giacomo, attualmente impiegato commerciale, era stato presentato come volto nuovo cinque anni fa ottenendo un discreto successo. La sua esperienza politica si basa su dieci anni da consiglieri e su una passione cominciata molto tempo prima.
"Cinque anni fa abbiamo ottenuto un buon risultato. Non era scontato vista la scelta di rinnovamento che avevamo fatto. In questi anni ci siamo impegnati in consiglio: abbiamo cercato di essere presenti, di ascoltare i bisogni e portare avanti certe scelte. Ho la consapevolezza di aver maturato una conoscenza maggiore dei bisogni. Oltre al fatto che mi sono avvicinato alla politica fin da quando non avevo ancora il diritto di voto, ci sono ragioni politiche dietro la mia scelta, ovvero l'idea di offrire un'alternativa. Inoltre, so di poter contare su un gruppo di persone capaci, attente e presente. Bosisio Viva è nata nel 1985 e ora ci portiamo con noi l'esperienza maturata" ha dichiarato il candidato sindaco.

"In questo paese dobbiamo iniziare a ricostruire una comunità di cittadini coscienti, che agiscono e si occupano del comune. L'amministrazione deve agevolare la partecipazione e condividere le scelte con la popolazione, per esempio promuovendo un'assemblea annuale. Inoltre è bene costituire una comunità politica avendo il rispetto di chi fa l'opposizione: in questi anni non abbiamo mai avuto il confronto con la maggioranza e il nostro ruolo era limitato alla ratifica, in consiglio comunale, di decisioni già assunte dall'amministrazione" ha aggiunto Gilardi.

Gilardi è poi velocemente entrato nel merito delle opere pubbliche che il gruppo proporrà di portare avanti. "Potremmo riprendere il programma di cinque anni fa e renderlo attuale dal momento che da allora nulla è cambiato". Le questioni irrisolte sono palazzo Appiani, villa Mira, le ex scuole medie di Garbagnate Rota, villa Rosa, i marciapiedi per il collegamento con le frazioni, l'attenzione verso il centro di Garbagnate Rota che si sta svuotando. "Questi sono i lasciti dell'amministrazione che ultimamente fa molti slogan" ha detto Gilardi prima di confrontarsi con il pubblico sui temi di interesse, come il sociale, i giovani, la sicurezza e il centro di raccolta differenziata.

Tra gli altri, c'è stato l'intervento di Gianni Binda che, brandendo il volantino elettorale preparato da "Progetto Bosisio" per le ultime amministrative e leggendo alcune proposte contenute, ha aggiunto: "l'avversario di cinque anni fa è lo stesso di adesso. Ha portato un programma elettorale e di quanto scritto non ha realizzato niente. Le elezioni le vinceremo se ci daremo da fare, voi e tutti noi insieme".
Il gruppo ha invitato i cittadini a partecipare agli incontri per la preparazione del programma elettorale, in programma da mercoledì 13 marzo presso l'aula civica di Garbagnate.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco