Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.848.886
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 29/06/19

Lecco: V.Sora: 169 µg/mc
Merate: 172 µg/mc
Valmadrera: 172 µg/mc
Colico: 135 µg/mc
Moggio: 191 µg/mc
Scritto Mercoledì 03 aprile 2019 alle 10:38

Gandhi: il 9 incontro con il giornalista Giuseppe Civati

Martedì 9 aprile alle ore 10 nell'Aula Magna dell'Istituto "Gandhi", si terrà l'incontro con il giornalista GIUSEPPE CIVATI che parlerà agli studenti del suo libro Voi sapete. L'indifferenza uccide. "Il clima della discussione pubblica è davvero troppo inquinato, o è solo un'impressione? Che succede se a farsi domande in proposito sono un politico e uno scrittore? E se provano a rimettere vicini due concetti che sembrano abissalmente distanti come "politica" e "felicità"? In un libro concepito come un racconto a due voci, una staffetta di riflessioni e di interrogativi, Civati e Di Paolo - da prospettive diverse e complementari - provano a fare i conti con la corrente di malumore collettivo. Provano a risalirla per individuarne ragioni e presupposti. Chi l'ha detto che essere "stronzi" è la carta vincente? E che le parole giuste sono sempre quelle più corrosive e violente? Chi l'ha detto che l'unica strada percorribile oggi sia quella del "meno peggio", e che avere fiducia nella rappresentanza politica sia un controsenso? Si può lavorare su un altro terreno che non sia quello di una estenuante lotta nel fango? I due autori cercano risposte affidandosi a episodi della loro attività quotidiana, fra le parole o fra i banchi di Montecitorio; chiedono lumi a scrittori e pensatori, da Platone a Márquez, da Asimov a Saramago, per ripartire dall'immaginazione. L'unica facoltà emotiva che la politica sembra non avere più voglia di mettere in gioco. L'unica che può cambiare di segno al clima e al discorso. Rimettere in moto un entusiasmo sincero, spingere verso le urne elettori più consapevoli, e soprattutto più felici".
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco