Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.848.903
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 29/06/19

Lecco: V.Sora: 169 µg/mc
Merate: 172 µg/mc
Valmadrera: 172 µg/mc
Colico: 135 µg/mc
Moggio: 191 µg/mc
Scritto Martedì 09 aprile 2019 alle 15:48

Sirone: rinnovo biblioteca e tetto del comune con la convenzione ''Airoldi metalli''

Potrà cominciare, grazie al voto unanime del consiglio comunale che si è tenuto nella serata di lunedì 8 aprile, l'iter burocratico per la modifica del piano di governo del territorio in merito alla riconversione dell'area di via delle Pavigie a Sirone, una traversa di via don Brambilla, nella zona industriale al confine con Dolzago.
Se con il Pgt attualmente in vigore era prevista la possibilità di realizzare un'area per il ricovero dei mezzi, un capannone di 1.150 mq e un frantoio a cielo aperto, le esigenze sono mutate in questi ultimi anni. La proprietà infatti non appartiene più a un'azienda edile, ma ad "Airoldi e metalli", società che si occupa della lavorazione di metalli non ferrosi, in prevalenza alluminio. La sede principale si trova a Molteno mentre una filiale è stata acquisita appunto in via delle Pavigie a Sirone, area sulla quale è stato richiesto il cambio di destinazione.

Da sinistra l'assessore Emanuele Sala, il segretario dr.Pietro Mastronardi, il sindaco Matteo Canali e l'assessore Giovanna Sala

Nella precedente pianificazione territoriale, a fronte della predisposizione degli spazi per il trattamento degli inerti, l'impresa avrebbe dovuto sostenere le spese per il rifacimento della tombinatura di via San Benedetto e la realizzazione di una parte del marciapiede lungo via don Brambilla. Entrambe le opere tuttavia sono superate: la prima è già stata conclusa, mentre per la seconda l'amministrazione ha destinato 50.000 euro provenienti dallo stato. I lavori dovranno partire entro il 15 maggio per non perdere il finanziamento.
Il cambio di destinazione d'uso richiesto e presentato dalla società Airoldi e Metalli prevede la costruzione di un capannone di 3.000 mq oltre a un piazzale per la manovra dei mezzi. I vantaggi per l'amministrazione sono stati quantificati in 264.000 euro, oltre agli oneri. Una parte di queste risorse ha già una destinazione sulle opere pubbliche: 52.000 euro verranno utilizzati per interventi di manutenzione straordinaria della biblioteca e 50.000 euro per la sostituzione del tetto del palazzo municipale sul quale da tempo è programmato un intervento.
I gruppi di maggioranza e di minoranza "Tradizione e innovazione", alla presenza della sola Elena Fumagalli, hanno votato a favore dell'atto di indirizzo, preliminare all'avvio della procedura che prevederà lo sportello unico e la convocazione della conferenza dei servizi.

Una veduta del consiglio comunale

"L'area inerti prevista inizialmente su quell'area sarebbe stata un'attività rumorosa che tra l'altro avrebbe comportato la movimentazione dei mezzi. La nuova proposta, seppur su ampia metratura, prevede tutta l'attività al coperto. Ci saranno poi una serie di parcheggi sia all'esterno che all'interno, oltre a una fascia di protezione a verde. I vantaggi per il comune sono principalmente due: il primo di carattere ambientale in quanto l'attività è meno fastidiosa rispetto a quella prevista in passato e l'altro è la possibilità per l'amministrazione di poter fare opere per le quali si andavano cercando fondi. Spetterà poi alla prossima amministrazione stabilire come usare i restanti 90.000 euro" ha commentato il sindaco Matteo Canali.
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco