Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.848.820
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 29/06/19

Lecco: V.Sora: 169 µg/mc
Merate: 172 µg/mc
Valmadrera: 172 µg/mc
Colico: 135 µg/mc
Moggio: 191 µg/mc
Scritto Venerdì 10 maggio 2019 alle 21:41

Oggiono: un sopralluogo sul cantiere della nuova caserma, ''pronta entro fine estate''

«Cento giorni» o in linea di massima entro la fine dell'estate. Queste sono le tempistiche entro le quali dovrebbero terminare i lavori che riguardano la prima parte della nuova caserma dei carabinieri a Oggiono.
Verso il completamento si avvia la palazzina degli uffici, ma per gli alloggi ci sarà ancora da attendere come anticipato in un nostro articolo qualche settimana fa.

Il sindaco Roberto Ferrari e l'onorevole Paolo Grimoldi

A dare notizia degli ultimi sviluppi sono stati Roberto Ferrari - sindaco di Oggiono e deputato - e l'on.Paolo Grimoldi, già membro della commissione parlamentare lavori pubblici - durante un sopralluogo che si è svolto questa mattina presso il cantiere. Presenti anche le figure di riferimento dell'azienda incaricata di ultimare i lavori. Il responsabile dei lavori ha chiarito come gli ultimi ritardi nella consegna delle opere siano dovuti a rallentamenti legati alla burocrazia che hanno avuto ripercussioni sull'operatività dell'azienda.

È stata quindi concessa una proroga di cento giorni per terminare le opere, ma la formalizzazione di questa estensione dei tempi sarebbe stata approvata solo parzialmente.
A detta di operatori e rappresentanti politici i lavori starebbero comunque proseguendo. Nella palazzina degli uffici sono in fase di installazione gli impianti tecnici e i tramezzi in cartongesso. Mancano ancora alcune intonacature e dei sottofondi della pavimentazione oltre che gli infissi e ovviamente le finiture legate alle pavimentazioni e alle rasature delle pareti.

Tuttavia all'orizzonte sembrerebbe apparire un futuro più certo per la conclusione dei lavori della prima palazzina. La situazione è stata chiarita sia da Ferrari che da Grimoldi i quali hanno elogiato le sinergie positive che sono andate creandosi fra Amministrazione comunale, Regione Lombardia e la componete leghista del Governo. Un connubio positivo che ha permesso di sbrogliare la matassa della ormai più che decennale storia della nuova caserma.

«L'azione comune - ha spiegato Grimoldi - delle componenti leghiste ai diversi livelli ha portato allo sblocco della situazione».
Complessivamente per l'opera sono stati previsti inizialmente circa 2,8 milioni di euro. Da quando è stato realizzato il primo progetto, oltre dieci anni fa, sono intervenute delle modifiche che avrebbero portato i costi a superare di poco i 3milioni di euro.

I ritardi, maturati nello scorso decennio, sarebbero da imputare al Provveditorato delle opere pubbliche e ad alcuni contenziosi sorti per il mancato stanziamento di fondi da parte dei governi susseguitisi. Il Comune, che è responsabile per la sola progettazione, ha speso ad oggi una cifra pari a circa 150mila euro.

Il sindaco Ferrari si è dimostrato fiducioso che lo sblocco della situazione, ottenuto - come ha ricordato - ''grazie all'azione dei politici della Lega'', porterà la nuova caserma verso il completamento.
Novità anche per la seconda palazzina che sarà destinata agli alloggi del personale dell'Arma. Come già anticipato verrà ultimata dopo la palazzina degli uffici. L'adeguamento progettuale della struttura è stato ultimato, mancherebbe solo la procedura necessaria alla pubblicazione del bando.

L'operatività della caserma dovrebbe comunque essere garantita una volta che, ultimata la prima palazzina degli uffici, la struttura sarà presa in carico dal ministero della Difesa.
L.A.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco