Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.010.743
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Giovedì 06 giugno 2019 alle 18:27

Insediate le nuove Amministrazioni si dovrà procedere con le nomine negli organismi sovracomunali  nell’ambito socio-sanitario

Conclusa la tornata elettorale del 26 maggio, nel lecchese nessun comune chiamato al voto ha più di 15mila abitanti per cui non ci sono ballottaggi  (ad esclusione di Margno dove c'è stato un pareggio di voti alle urne e dunque domenica tornerà al voto) inzia ora la serie di prime convocazioni dei nuovi Consigli comunali. Nel giro di una quindicina di giorni tutte le Giunte saranno insediate e potranno iniziare a lavorare. Per quanto riguarda  l'importante settore dei servizi assistenziali e sociosanitari in calendario ci sono subito scadenze di grande importanza per l'intera provincia. Senza un ordine cronologico preciso ecco le cariche che andranno rinnovate prima della pausa estiva. 
Presidenza del distretto Lecchese, l'organismo che riunisce tutti i sindaci dei comuni della provincia, deputato alla programmazione di tutti i servizi che fanno capo al  Piano socio assistenziale di Zona: Filippo Galbiati, rieletto sindaco di Casatenovo difficilmente si ricandiderà per altri cinque anni alla testa di questo organismo importante per il ruolo che riveste nei confronti  della ATS e della ASST. Da rieleggere anche il vice presidente dato che John Patrick Tomalino non si è ricandidato e quindi non riveste più cariche consiliari.
A cascata arriva la Presidenza dell'Ambito distrettuale meratese: la presidente uscente Adele Gatti non è stata rieletta sindaco ma siede comunque in Consiglio comunale. Impensabile  ipotizzare che la nuova maggioranza che governerà Airuno potrà sostenere per questa carica, attraverso  una delega del  primo cittadino,  una rappresentante dell'opposizione. Carica che a livello normativo sembra  spettare comunque a un Sindaco in carica. Il ruolo di Adele  Gatti come  rappresentante dei sindaci  meratesi e casatesi  per i problemi sociosanitari, ruolo di primissimo piano  con riferimento alle relazioni con i Direttori generali di ATS e ASST e alla gestione delle risorse economiche del Piano di Zona, è  terminato con la sua sconfitta alle comunali nel suo paese. Diversamente, visto la tenuta delle amministrazioni comunali di centrosinistra, sarebbe stato difficile scalzarla da questa poltrona.
Voci di corridoio parlano di una spostamento della Gatti dall'Ambito a Retesalute,  dove a breve  si dovrebbe arrivare alla elezione di un nuovo Consiglio Direttivo e nuovo Presidente. Ipotesi resa però difficile dalla recente normativa che impedisce ruoli gestionali nelle aziende dei comuni agli amministratori e consiglieri in carica o che abbiano svolto questa funzione negli ultimi due anni.
L'approvazione del nuovo statuto che ha portato all'ingresso di Retesalute  di quattro nuovi comuni dell'ambito distrettuale di Lecco, l'uscita della Provincia e le elezioni che hanno riguardato più del 50% dei comuni, rendono obbligatorio nuove elezioni del vertici di Retesalute: Presidente e Vice dell'Assemblea dei soci, Presidenti del Consiglio di Amministrazione  e quattro  consiglieri.
Andrea Massironi, presidente uscente dell'Assemblea, non si è ricandidato diversamente dal suo vice Fabio Crippa di Casatenovo.
Tutto fa prevedere che il rinnovo di queste cariche sarà affrontato in parallelo con il rinnovo del Consiglio di Amministrazione quando, regole statutarie in merito ai mandati possibili statuto alla mano entrerà in  gioco la carica più importante della Presidenza del Consiglio di Amministrazione. Alessandro Salvioni ha già superato abbondantemente in numero dei mandati possibili.
I rapporti politici  determineranno anche il futuro dei quattro consiglieri uscenti Emilio Zanmarchi, Giacomo Molteni, Valerio Colleoni e Rita Bisanti.
Spetterà al sindaco di Merate Massimo Panzeri in qualità di maggiore azionista aprire i giochi con la convocazione a breve della  nuova assemblea.
La tornata elettorale ha avuto riflessi anche relativamente alla Presidenza e vice presidenza del Consiglio di Rappresentanza dei sindaci dell'Agenzia Territoriale della Salute (ATS) Brianza che coordina l'attività delle aziende socio-sanitarie territoriali di Monza, Vimercate e Lecco: da rieleggere la presidente Maria Antonia Molteni ex sindaco di Veduggio e Massimiliano Vivenzio di Merate che non si è ricandidato.
Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco