Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 212.210.005
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/09/19

Lecco: V.Sora: 96 µg/mc
Merate: 112 µg/mc
Valmadrera: 101 µg/mc
Colico: 106 µg/mc
Moggio: 102 µg/mc
Scritto Sabato 15 giugno 2019 alle 18:13

Molteno: Giuseppe Chiarella si insedia, nomina la giunta e delega 4 consiglieri

Il 24esimo sindaco di Molteno è entrato ufficialmente in carica. Nel consiglio comunale che si è svolto l'altra sera in municipio Giuseppe Chiarella ha formalmente giurato di rispettare la Costituzione italiana e si è detto onorato di poter rappresentare il paese e di assumere la carica "con alto senso del dovere, di responsabilità e di servizio verso Molteno".

Il gruppo di maggioranza di Molteno

Ha poi tenuto il suo primo intervento, in cui ai ringraziamenti si sono unite alcune riflessioni. Il primo pensiero, come ovvio, è andato ai cittadini. "L'importante risultato elettorale ci gratifica, ci onora ma contestualmente ci carica anche di una grave responsabilità: quella di amministrare, di amministrare bene, in modo trasparente, corretto in ascolto di tutte le istanze che i cittadini vorranno proporci consci tuttavia che poi l'ultima decisione spetta a questa Amministrazione. Amministreremo nell'interesse di tutti con un unico obiettivo: l'interesse generale dovrà sempre prevalere sull'interesse particolare".
Altri ringraziamenti sono stati spesi per il gruppo che ha deciso di impegnarsi per il paese; la famiglia e la compagna che lo sostengono nella scelta; il parroco don Massimo Santambrogio che ha rivolto gli auguri di buon lavoro ai sindaci neo eletti e l'ex sindaco Mauro Proserpio, oggi consigliere "con cui ho trascorso dieci anni della mia vita e con cui e da cui ho imparato a conoscere la macchina della pubblica amministrazione; dieci anni di politica intensa intesa esclusivamente come attività di individuazione e discussione delle problematiche sociali. Attività che precede la creazione dei provvedimenti atti a risolvere tali problematiche. Questa è la concezione di politica che ci piace: una politica che allarga i confini della partecipazione, incentivandola".

Il sindaco Giuseppe Chiarella

Non sono mancate, come è nel suo stile a cui già aveva abituato nei due precedenti mandati, citazioni di rilievo, Montesquieu e Aldo Moro. Quanto all'incarico ha aggiunto: "assumiamo questo impegno con totale spirito di servizio: credo che chi abbia la possibilità, debba rendere alla Comunità, almeno in piccola parte, ciò che ha ricevuto. La politica a servizio della Società per spezzare l'incantesimo dell'individualismo e dell'indifferenza, i mali del nostro tempo".
Un pensiero è andato anche al gruppo di minoranza. "Mi auguro che tra i nostri due gruppi politici corrano sentimenti di stima e reciproco rispetto. Abbiamo due visioni diverse di Paese, ma ciò non toglie che si possa collaborare per migliorare il nostro Paese. Io, noi, non abbiamo alcun pregiudizio; la campagna elettorale si è svolta correttamente e mi auguro che la medesima correttezza permei tutta la nostra e la Vostra azione politico-amministrativa". Infine un cenno, alle quote rosa, che occupano più di un terzo del consiglio: "Abbiamo bisogno che il genere femminile sia sempre più presente nelle posizioni di rilevo della nostra società per il grande e prezioso contributo che possono dare".
Da parte dell'opposizione ci sono stati gli interventi di Ferdinando De Capitani e Giusi Corti. Quest'ultima, in particolare, nel ruolo di capogruppo, ha ricordato gli esordi in amministrazione del primo cittadino e ha rimarcato la presenza della lista, creata poco prima della scadenza dei termini (dopo il naufragato tentativo del Partito Democratico di dare vita a una squadra), grazie alla volontà di alcuni cittadini che hanno voluto scongiurare il rischio della lista bulgara. "È nata dalla minoranza uscente, spinta da un forte senso civico e dal desiderio di non arrendersi all'abbandono e al disinteresse della cosa pubblica. Oggi trovare persone che vogliano impegnarsi in politica è cosa rara: disimpegno e qualunquismo sono difficili scogli da superare. Mantenere costante l'impegno e l'entusiasmo per cinque anni è fatica non indifferente. Se manca la passione c'è il pericolo di andare in pausa, di tirare a campare, come di recente ci è stato ricordato".

Il consiglio comunale al completo

Giusi Corti ha poi ricordato il compito di tutti i consiglieri nella garanzia dell'interesse comune e il ruolo di quelli di minoranza per i quali la Costituzione non fa differenze. "Uno dei segni di discontinuità col passato sarà quello di vedere i consiglieri trattati con pari rispetto in questa assemblea, per riportare qui dentro quella dignità istituzionale a volte mancata in passato".
La consigliera ha sottolineato che parte del programma precedente non è stato realizzato ed inserito in quello nuovo: il loro compito sarà di vigilare perché venga seguito. "Condivideremo e approveremo le buone proposte, bocceremo e faremo ferma opposizione sulle scelte che riterremo sbagliate, spiegandovi il perché. E come forte segnale di discontinuità, ci auguriamo che il tutto possa avvenire nel pieno rispetto delle regole della democrazia e della trasparenza".

Il sindaco ha nominato la giunta, che sarà composta da quattro persone: Guido Anghileri ha ricevuto la delega allo sport, manutenzione impianti sportivi, eventi, tempo libero e associazionismo, oltre che il ruolo di vice sindaco; Sara Brenna sarà all'istruzione, cultura e biblioteca; Luca Rossini alla protezione civile, sicurezza, ambiente e volontariato; Davide Conti, assessore esterno, ha la delega ai servizi alla persona, politiche sociali e familiari.
Chiarella ha inoltre attribuito deleghe anche a quattro consiglieri: Veronica Anzani alle pari opportunità e politiche giovanili; Marcello Casiraghi al bilancio; Michele Napolitano al verde pubblico, decoro urbano e manutenzioni; Maurizio Villa al commercio e mercato comunale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco