Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.002.483
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Giovedì 04 luglio 2019 alle 09:23

Cassago: dal consiglio via libera al bilancio consuntivo. Si astengono Pini e Corbetta

Via libera al bilancio consuntivo 2018 da parte del consiglio comunale di Cassago - riunitosi per la terza volta dalle ultime elezioni - nella serata di lunedì. Come ha precisato il neo assessore alla partita Alberto Parravicini, il documento finanziario già esaminato ed approvato dalla giunta dell'ex sindaco Rosaura Fumagalli non era stato portato all'attenzione del consiglio precedente in mancanza dei tempi tecnici.

Il consiglio comunale riunito lunedì sera a Cassago

E' dunque toccato proprio all'amministratore - che già deteneva la medesima delega in Comune a Renate accanto al riconfermato sindaco Matteo Rigamonti - illustrare le caratteristiche del consuntivo. ''Ci troviamo ad approvare il rendiconto di una gestione amministrativa non nostra'' ha affermato Parravicini, focalizzandosi - con l'aiuto di slide - gli aspetti più salienti del bilancio 2018, a cominciare dall'avanzo di amministrazione, dal valore di circa 1.623.000 euro, per passare poi alle principali voci in entrata e in uscita, sino al fondo crediti di dubbia esigibilità, al centro poi dei successivi interventi in fase di discussione.
Terminata la presentazione tecnica da parte del collega, il sindaco Roberta Marabese ha dato la parola ai consiglieri per eventuali interventi. Si è fatta sentire subito l'ex prima cittadina Rosaura Fumagalli, capogruppo di #Insieme: ''negli incontri che avete avuto con i cittadini in queste settimane sarebbe emerso un termine che poco ci è piaciuto: buco di bilancio. Questa cosa sarebbe stata detta anche nel corso di un'assemblea pubblica. L'illustrazione del bilancio fatta questa sera dimostra che non è così. Chiediamo correttezza ed onestà individuale quando si fanno certe affermazioni''.

Da sinistra gli assessori Emilio Panzeri, Monica Conti (vicesindaco), il sindaco
Roberta Marabese, il segretario dr.Vincenzo Del Giacomo e l'assessore Alberto Parravicini

Parole - quelle dell'ex amministratrice - che non sono piaciute all'attuale sindaco, che ha chiesto innanzitutto al suo predecessore in quali occasioni sarebbero state pronunciate queste dichiarazioni. ''Dire che non ci sono soldi in una voce di bilancio non significa che ci sia un buco. Non trovo corretta questa modalità di esposizione, nè nei nostri confronti, nè di quelli del pubblico presente questa sera'' ha ribattuto la Marabese, visibilmente scocciata.
E' entrato nel merito del punto il consigliere Maurizio Corbetta di Progetto Cassago Democratica, ringraziando in primis l'assessore Parravicini per aver convocato le minoranze per un confronto preliminare sul tema e l'ufficio ragioneria (rappresentato dal responsabile Luca Rigamonti presente alla seduta consiliare) per il lavoro che sta svolgendo da qualche mese.

Da sinistra i consiglieri Maurizio Corbetta, Sergio Pini (Progetto Cassago Democratica), Stefano Morstabillini,
Marina Fumagalli (maggioranza Cassago Ideale) e gli assessori Cristian Serra ed Emilio Panzeri

''Posso condividere che si tratti di una questione tecnica, ma fino a un certo punto, anche perchè noi erano anni che sostenevamo che il bilancio di questo ente andava predisposto in un altro modo. Non ci ritroviamo in questi numeri e sempre lo abbiamo detto all'ex sindaco Fumagalli, perchè pensiamo che Cassago abbia ben altre potenzialità. Bisognava operare diversamente sulle economie del Comune'' ha detto Corbetta, evidenziando come parte delle risorse finanziarie arrivino da una convenzione, quella con Holcim, che scadrà in un futuro imminente.

I consiglieri di maggioranza Pierluigi Fumagalli, Riccardo Silvestri e Rosaura Fumagalli (gruppo di minoranza #Insieme)

Il collega e capogruppo Sergio Pini - pur ritenendo il bilancio sano e dalla gestione tutto sommato equilibrata - ha invece puntato l'attenzione sui residui attivi e sul fondo crediti di dubbia esigibilità, chiedendo all'assessore Parravicini se queste cifre - piuttosto elevate - destino preoccupazione nella giunta. ''Sono importi che non mi piacciono e che dovremo impegnarci a ridurre'' la risposta dell'amministratore, che ha poi evidenziato con una punta di critica, i tanti mutui accesi nel corso degli anni, alcuni dei quali recentemente ri-negoziati.

''I residui attivi e passivi vanno tenuti costantemente monitorati e da questo punto di vista ci vuole molta cura e attenzione da parte del Comune. Noi definiamo questo bilancio senza molte possibilità di manovra sulla parte corrente, quasi asfittico'' ha concluso Pini, preannunciando l'astensione del proprio gruppo.
Nel corso della discussione è emersa più volte la questione della fidejussione relativa all'ex area della cementeria, che il Comune sino ad oggi ha escusso solo in parte per circa 300mila euro, mentre la restante risulta bloccata e inserita prudenzialmente nel fondo crediti di dubbia esigibilità.

A destra l'assessore al bilancio Parravicini

Voto favorevole invece da parte della maggioranza e del gruppo #Insieme (rappresentato lunedì dal solo consigliere Fumagalli). Il consiglio si è poi chiuso con la definizione del gettone di presenza per i consiglieri comunali (9.49 euro a seduta) e con le nomine per l'albo dei giudici popolari. Oltre al sindaco Roberta Marabese la maggioranza ha indicato il consigliere Marina Fumagalli; necessaria invece - in mancanza di un accordo fra le parti - una votazione per stabilire chi dei membri dei due gruppi di opposizione dovesse farne parte tra Maurizio Corbetta e Antonio Carrino. A spuntarla, in termini di preferenze ricevute, è stato il primo.
G.C.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco