Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 205.045.043
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 18/07/19

Lecco: V.Sora: 152 µg/mc
Merate: 142 µg/mc
Valmadrera: 169 µg/mc
Colico: 127 µg/mc
Moggio: 149 µg/mc
Scritto Venerdì 05 luglio 2019 alle 07:57

Garbagnate: Mara Fumagalli si riconferma campionessa italiana Marathon con MTB

Riconfermata la maglia tricolore. Mara Fumagalli, 32enne di Garbagnate Monastero, per il secondo anno consecutivo ha conquistato il titolo di campionessa italiana nella specialità Marathon di mountain bike (MTB).


Mara Fumagalli al traguardo

Quest'anno il campionato, sempre sotto l'egida della Federazione ciclistica italiana, si è disputato ad Aiello, in Abruzzo. La Sirente Bike Marathon si è tenuta nella giornata di domenica 30 giugno, sotto un sole cocente. Particolarmente impegnativo anche il percorso che, per quanto concerne la gara femminile, Mara non ha esitato a definire "esagerato". La gara si è infatti sviluppata su 108 chilometri per 3.500 metri di dislivello e per la garbagnatese della Focus XC Italy Team si è chiusa in solitaria in 5.30 ore. A quaranta minuti dal sessantesimo chilometro ha infatti tentato lo stacco dal gruppo e ha poi condotto il resto della gara da sola, fino all'arrivo quando è giunta, dopo sette minuti, Elena Gaddoni (Cicli Taddei) e, dopo circa mezz'ora, Maria Cristina Nisi (New Bike 2008 Racing Team). In classifica sono seguite Gaia Ravaioli (KTM Alchemist), Silvia Scipioni (Cicli Taddei) e Chiara Burato (Omap Cicli Andreis).

"Era un tracciato interamente esposto al sole e con pietre e sassi, a tratti molto scivoloso" ha detto la campionessa. "È sempre difficile mantenere la maglia perché ci sono tante aspettative. Sapevo di farcela se non mi fosse successo niente di meccanico o imprevisti di vario tipo. Essermi riconfermata mi rende felicissima: ora vestirò la maglia fino a luglio dell'anno prossimo".
Lo ricordiamo, lo scorso anno aveva conquistato il titolo all'Assietta Legend di Sestriere, 93 chilometri di gara tra le montagne che separano la Val Chisone e Val Susa. La riconferma di Mara, che da undici anni è in sella alla bicicletta e da otto è professionista, appariva però quasi scontata quest'anno: nelle undici gare disputate è sempre arrivata al primo posto. Inoltre ha trionfato anche alla decima edizione della HERO Südtirol Dolomites.


Non ha avuto nemmeno il tempo di festeggiare però perché per lei le fatiche non sono ancora finite: rientrata domenica sera da Aiello, lunedì 1 luglio era già a Malpensa, pronta a imbarcarsi in direzione Oslo, con la nazionale. A Kvam, sabato 6 luglio, si terrà infatti il campionato europeo, basato su un tracciato di 70 chilometri e 1750 metri di dislivello. "La prima parte è molto tecnica mentre l'altra metà sembra quasi una gara su strada. Il percorso quindi è totalmente differente rispetto a quello affrontato ad Aiello. Conosco gli avversari e, anche se ogni gara ha la sua storia, gli umori sono buoni. Se tutto va bene, dovrei riuscire a conquistare uno spazio" ha riferito la campionessa che, con lo spostamento, ha dovuto affrontare anche un importante sbalzo termico. "Qui ci sono 3 gradi e ieri mattina è nevicato in cima alla salita. Ho fatto ieri il primo allenamento: il percorso è bellissimo. Peccato invece per il freddo".
M.Mau.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco