Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 204.513.779
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
ozono
Valore limite: 180 µg/mc
indice del 29/06/19

Lecco: V.Sora: 169 µg/mc
Merate: 172 µg/mc
Valmadrera: 172 µg/mc
Colico: 135 µg/mc
Moggio: 191 µg/mc
Scritto Sabato 06 luglio 2019 alle 11:46

Villa Greppi e Teatro Invito presentano la 22°edizione del festival ''L'ultima luna d'estate''

Ritorna per la sua 22° edizione il festival teatrale ''L'ultima luna d'estate'', la manifestazione artistica e culturale nelle ville e nei parchi più belli della Brianza promossa dal Consorzio Brianteo Villa Greppi e organizzata dall'associazione lecchese Teatro Invito. Il festival comincerà ufficialmente nella serata di giovedì 29 agosto presso villa Besana a Sirtori con l'inaugurazione da parte del filosofo Massimo Cacciari e si concluderà domenica 8 settembre con una giornata ricca di eventi e spettacoli per salutarsi e darsi appuntamento alla prossima edizione.

La presentazione del festival con gli ospiti intervenuti a Villa Greppi. Da sinistra Lucia Urbano (consorzio Villa Greppi), Elena Scolari (Teatro Invito), Giovanni Priore (Acel), Marta Comi (consorzio Villa Greppi), Luca Radaelli (Teatro Invito) e Irene Alfaroli (provincia di Lecco)

Il programma, il tema e la struttura del festival sono stati presentati ufficialmente nel pomeriggio di venerdì 5 luglio presso Villa Greppi di Monticello dove sono intervenuti i principali artefici e protagonisti dell'evento per inaugurare anche questa edizione di festival che negli anni continua a crescere e ad accogliere un pubblico sempre più variegato e numeroso. Ad esporre le linee generali dell'evento è stata come da tradizione la presidente del Consorzio, Marta Comi, la quale ha esordito esprimendo la soddisfazione e l'entusiasmo per l'esperienza che è stata portata avanti e che oggi è diventato un appuntamento imprescindibile dell'estate sul territorio della Brianza.

Luca Radaelli di Teatro Invito e Irene Alfaroli della Provincia di Lecco

"Un festival che dopo vent'anni continua ad avere successo è un festival che appartiene al territorio e ai suoi cittadini, ha una vita propria, un'identità riconosciuta, un senso che non è dato solo dalle decisioni artistiche o dalla scelta dei luoghi, ma viene dal pubblico, dalla comunità che ad ogni edizione lo accoglie e lo sostiene. La peculiarità che rende unico questo festival è proprio il tipo di lavoro corale che aggrega contributi di soggetti diversi che interagiscono e si sostengono a vicenda in una rete di relazioni costruttiva e proficua al continuo innovarsi di questa manifestazione. Un festival così ha sfondato, è entrato nella storia e nell'identità della nostra terra, nella sua anima, e può permettersi dopo così tanti anni di avere ancora grandi ambizioni".

A dare il proprio sostegno all'iniziativa, promuovendone l'impegno è stata anche la Provincia di Lecco che con la voce della consigliera provinciale delegata alla cultura, Irene Alfaroli, ha confermato la propria vicinanza alla manifestazione, nella convinzione che la promozione e lo sviluppo della cultura, insieme alla valorizzazione del paesaggio e del patrimonio storico e artistico, trovano terreno fertile nelle rappresentazioni di spettacolo dal vivo. Un concreto contributo, rinnovato anche per questa 22° edizione, deriva invece dal sostegno di Acel Energia, oggi parte del gruppo ACSM-AGAM che è stata rappresentata dal suo presidente, l'avvocato Giovanni Priore. "La magia delle colline della Brianza è il palcoscenico naturale di suggestiva bellezza che ospiterà L'ultima luna d'estate, il festival che chiude la serie di rassegne teatrali della provincia di Lecco a cui Acel ha voluto dare il proprio aiuto figurando come mani sponsor. Siamo felici, dunque, di essere a fianco di questa iniziativa nella consapevolezza che il sostegno ai comuni e alle istituzioni nella realizzazione di questi eventi culturali diventa sempre più necessario alla luce delle crescenti difficoltà finanziarie delle amministrazioni".

A prendere la parola è stato infine il direttore artistico Luca Radaelli, curatore dell'intera manifestazione che ha invece portato l'attenzione sul senso e sul significato del tema del festival, l'esilio. "Il nostro proposito è quello di cercare di fare in modo che il pubblico che parteciperà a questi spettacoli nelle ville e nei territori della Brianza ritorni a casa da ogni evento con un arricchimento spirituale e una maggiore consapevolezza della realtà e dei fatti che accadono quotidianamente. La cultura e il suo patrimonio ci permette di riutilizzare gli autori classici e quelli del passato per analizzare la realtà di oggi in modo da sviluppare una prospettiva completamente differente e particolare da cui guardare i fatti, soprattutto il tema dei movimenti e dei flussi globali, avvenimenti che necessitano oggi più che mai di una seria e profonda riflessione. L'esilio è un tema presente in tantissime opere, da Shakespeare a Dante, dal Decameron di Boccaccio alle interpretazioni di Dario Fo ed è forse una condizione imprescindibile dell'uomo, perennemente in marcia in cerca di condizioni di vita migliori".

Giovanni Priore di Acel e Marta Comi del Consorzio Villa Greppi

L'edizione del festival di quest'anno, come ha precisato poi la direttrice organizzativa di Teatro Invito, Elena Scolari, ha poi voluto proporre alcune novità rispetto al passato come ad esempio la presenza di tre prime nazionali nel corso delle serate, l'introduzione di alcuni esperti del settore e soprattutto la proposta di spettacoli realizzati da compagnie under 30. Per incentivare il coinvolgimento di un pubblico e di formazioni teatrali con una presenza giovanile maggiore è stato infatti indetto un bando per compagnie la cui media di età doveva essere pari o inferiore ai trent'anni valutate da una commissione ad hoc che ne ha selezionate tre che presenteranno un trailer da 20 minuti di un proprio spettacolo nella serata del 1 settembre dove sarà il pubblico stesso a scegliere quale sarà la più meritevole di esibirsi in maniera completa nell'edizione 2020 de ''L'ultima luna d'estate''.

A sinistra Elena Scolari di Teatro Invito

I progetti, le iniziative e le proposte che si concretizzeranno nei giorni del festival sono infatti la testimonianza più diretta di quanto la manifestazione sia cresciuta e continui ad espandersi negli anni poiché rappresenta un'occasione per i cittadini del territorio e quelli provenienti da più lontano non solo di assistere a spettacoli ed esperienze di degustazione e visita delle cornici architettoniche e culturali più suggestive della Brianza, ma anche per sentirsene parte.

Per visualizzare il programma completo clicca QUI
M.B.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco